Unipegaso

Degrado a Ponte San Giovanni, la giunta intervenga, lo chiede il capogruppo del PD Mencaroni

I cittadini attendono ed esigono risposte che non vengono mai date

Degrado a Ponte San Giovanni, la giunta intervenga, lo chiede il capogruppo del PD Mencaroni

Degrado a Ponte San Giovanni, la giunta intervenga, lo chiede il capogruppo del PD Mencaroni

“Da ormai molto tempo il quartiere di Ponte san Giovanni versa in condizioni di degrado molto gravi: prostitute stazionano anche di giorno lungo le vie principali. Le aree verdi sono abbandonate a loro stesse.

La spazzatura nei parchi si accumula per diversi giorni sotto il Sole estivo senza che nessuno provveda a rimuoverla. Tutto questo senza che all’orizzonte si vedano soluzioni di un qualche tipo. I luoghi simbolo, come il Ponte Vecchio, l’Ipogeo dei Volumni, il Monumento ai Caduti e il parco Bellini, sono preda di graffiti (anche osceni) incuria e piante infestanti.

Tutto questo in un quartiere abitato da circa ventimila persone e nodo viario fondamentale per l’accesso a Perugia. Visto che la situazione di degrado dell’area è sotto gli occhi di tutti e che anche in consiglio comunale ho sottolineato il problema a più riprese credo che Sindaco e Giunta debbano porre un argine alla condizione di grave degrado in cui versa Ponte san Giovanni, altrimenti rischiamo che un quartiere residenziale valorizzato nel corso degli anni passati da servizi al cittadino di vario tipo si trasformi in un quartiere degradato e ostaggio di sporcizia e prostituzione.

Già da diverso tempo avevo presentato una interrogazione sulla prostituzione nella zona di Ponte san Giovanni e auspicavo che, in occasione del Question Time di lunedì, il Sindaco provvedesse a rispondere; così non è stato. La vice presidente Pittola ha frettolosamente chiuso la seduta poco dopo le 18.00 salvando così il Sindaco Romizi ed evitandogli l’imbarazzo di rispondere su questo tema. Intanto i cittadini attendono ed esigono risposte che non vengono mai date”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*