Nemetria, Sergio Mattarella a Foligno, collegamento tra etica, economia e comunità locali, una grande intuizione [FOTO E VIDEO]

Erano presenti anche la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, e il Sindaco di Foligno, Nando Mismetti

Nemetria, Sergio Mattarella a Foligno, collegamento tra etica, economia e comunità locali, una grande intuizione [FOTO]

Nemetria, Sergio Mattarella a Foligno collegamento tra etica, economia e comunità locali, una grande intuizione

FOLIGNO – Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, oggi a Foligno. Il capo dello Stato è arrivato alle ore 9 all’auditorium San Domenico di Foligno per la Conferenza su Etica ed Economia organizzata da Nemetria. Sono presenti anche la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, e il Sindaco di Foligno, Nando Mismetti, nonché presidente della provincia di Perugia.

“Il rapporto tra economia e etica non può esaurirsi in regole da rispettare ma se viene assunto come criterio connaturale per la vita delle comunità
locali, il rispetto di questo collegamento è molto più efficace, perché è vissuto, spontaneo. Comunitù locali possono essere portatrici del vincolo tra etica e economia”. Lo afferma il presidente della Repubblica Sergio Mattarella intervenendo alla XXV Conferenza su Etica ed Economia organizzata da Nemetria. E, rifacendosi al tema dell’edizione 2017, Matterella definisce “una grande intuizione” il collegamento tra etica, economia e comunità locali. L’importanza del vincolo tra etica ed economia, che va esteso “al tessuto vivo” del Paese, è testimoniata dalla crisi del 2008, “provocata da distorsioni di comportamenti e dalla cinica indifferenza rispetto a queste distorsioni”, spiega Mattarella. E il Capo dello Stato, prima di lasciare il convegno, non manca di rivolgere il suo saluto, attraverso il sindaco Nando Mismetti, a Foligno, “splendida e dinamica città”.

La presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, ha portato stamani il saluto della Regione alla venticinquesima conferenza “Etica ed economia” organizzata da Nemetria e che si è svolta a Foligno alla presenza del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Riportiamo di seguito il testo dell’intervento. “Signor Presidente della Repubblica, è per noi un grandissimo onore averla qui oggi con noi, a Foligno ed in Umbria, in occasione del venticinquennale di ‘Etica ed Economia’ e la accogliamo sempre con la vicinanza e l’affetto della comunità regionale, ringraziandola per la vicinanza, la solidarietà e l’attenzione istituzionale che in questi mesi ha rivolto ai nostri concittadini della Valnerina più coinvolti e colpiti dalla vicenda del sisma. Considero un onore portare il saluto della Regione in questa importante giornata di studio e di farlo nel ricordo e nella memoria di chi ha voluto Nemetria e le giornate di ‘Etica ed Economia’: Leonello Radi. Una storia, un presente ed una visione che parla al domani con la forza dei luoghi in cui i valori etici e morali sono parte costitutiva del capitale sociale di questa città, Foligno, e di tutta l’Umbria.

Essere qui oggi significa riconoscerne il ruolo svolto e nel contempo proiettarne la funzione in una dimensione di prospettiva: essere capaci di interpretare le sfide che il cambiamento economico ci pone, come ritrovare una rinnovata capacità propulsiva della società e delle nostre collettività locali, come affrontare le sfide che la dimensione globale pone ogni giorno alle opportunità delle comunità locali. Andando ben oltre la sentita e meritoria celebrazione di quel l’intuizione che 30 anni fa generava Nemetria e cinque anni dopo la Conferenza su Etica ed Economia. Perché sta proprio qui uno dei meriti di Leonello Radi: aver compreso che il ‘locale’ per non esaurire la sua funzione deve potersi confrontare con il globale non soltanto sui paradigmi tecnologici che derivano dai processi di cambiamento in atto, ma soprattutto sui valori, sull’etica e quindi sulla cultura come elemento sostanziale per interpretare il presente, leggere il futuro.

Nemetria come valore che si lega alle reti di conoscenza di scala globale essendo portatore di valori con il territorio e le sue specificità. Rafforzando in sostanza l’intuizione di Leonello Radi rispetto a quella partecipazione della dimensione locale alle sfide di scala più ampia per garantire crescita e sviluppo, qualità sociale di una comunità ed oggi ancora più di ieri richiede capacità di interpretazione, più estesa che nel passato”. “Nemetria ed il pensiero di Leonello Radi che ha trovato nel tempo una comunità importante di donne e uomini di grandi competenze in grado di valorizzarne la portata innovativa, rappresenta oggi più che mai un elemento di forza di questa terra, legando le grandi dimensioni, quelle metropolitane, delle città regioni e della conoscenza al territorio e alle specificità della dimensione locale. Trovando risposte nel mondo aperto e rinunciando alla logica puramente difensiva e protettiva che rischia di isolare i territori, in deleteri populismi e sovranismi.

Il tema di oggi su comunità locali, investimenti, redistribuzione ci interroga molto su quello che sta succedendo nell’economia ed ancor prima nella società. Un cambiamento non solo di tipo tecnologico e l’impatto che tutto ciò produce con le persone, con le istituzioni locali, con i modelli di welfare su cui negli ultimi decenni si è modellata la società italiana e marcatamente questa regione.

La risposta la troviamo non solo in una nuova fase dello sviluppo ‘tecnology driven’, ma anche nella dimensione dei valori etici e morali necessari a ricostruire la fiducia necessaria alla stessa crescita economica. Quindi il territorio non certamente come stereotipo, l’attenzione alle persone non solo come sinonimo di clienti, i giovani di questo millennio non solo come consumatori, ma soprattutto come cittadini del futuro prossimo che più di altri sentono il bisogno di una equilibrata redistribuzione delle risorse. Innovazione che non si limiti solo all’implementazione di tecnologia, ma qualcosa che parli alle persone, che ci aiuti a costruire una visione per guardare al futuro con la fiducia di una comunità. Nemetria in tutti questi anni è stata una istituzione, un luogo capace di fungere da aggregatore di cultura e di conoscenza, animando un dibattito pubblico anche con il dialogo con Università, enti territoriali, imprese. Lo sforzo ed il ruolo che a Nemetria riconosciamo è quello di essere sempre un passo avanti, di guardare oltre il merito indiscutibile della conoscenza, aggregando intelligenze e valori di ampio respiro senza mai perdere radici ed identità locali, facendolo da qui nel territorio. Di questo avremo ancora bisogno e se necessario saremo al vostro fianco, anche come Istituzione regionale raccogliendo l’eredità morale, culturale, sociale che Leonello Radi ha lasciato, ma anche la sfida di una prospettiva futura”.

Il presidente della Repubblica ha poi lasciato l’auditorium San Domenico. Mattarella si è recato a Spello per una visita, in forma privata, ai mosaici della Villa romana di Sant’Anna.

Il Capo dello Stato, accolto dal sindaco Moreno Landrini, dalla presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini, dalla vice presidente della Camera dei Deputati Marina Sereni, dal prefetto di Perugia Raffaele Cannizzaro e dalla Soprintendente per archeologia, belle arti e paesaggio dell’Umbria Marica Mercalli, è stato salutato anche dagli alunni dell’Istituto Comprensivo Ferraris. Oltre che dalla cittadinanza che si è radunata nei pressi della Villa. Al cui interno è stata realizzata una speciale infiorata. Sulle finestre del borgo sventolano, invece, bandiere tricolori e su un terrazzo campeggia uno striscione con su scritto: “Benvenuto Presidente”.

Il capo dello Stato, Sergio Mattarella, a Foligno per Nemetria

Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*