Umbria Jazz, annullata edizione 2020, arrivederci al 2021

 
Chiama o scrivi in redazione


Umbria Jazz al Santa Giuliana? Pastorelli, musica e lo sport sono inconciliabili
Arena umbria jazz

Umbria Jazz, annullata edizione 2020, arrivederci al 2021

“Oggi siamo costretti a fare un annuncio che non avremmo mai voluto fare: Umbria Jazz 2020 a Perugia (10-19 luglio), è annullata. Questa dolorosa decisione è stata presa dalla Fondazione di partecipazione Umbria Jazz, a causa del prolungarsi dell’emergenza sanitaria dovuta alla pandemia di coronavirus covid-19 e all’incertezza che rende impossibile al momento la presenza dei tanti artisti internazionali. Prendiamo atto infatti che quest’anno sarà impossibile realizzare un’edizione di Umbria Jazz come l’abbiamo sempre immaginata, ideata e proposta. Alcuni concerti previsti per questa estate, sono già stati riprogrammati al 2021 con queste date: TOM JONES il 13 luglio 2021, REDMAN-MEHLDAU-MCBRIDE-BLADE: A MoodSwing Reunion il 14 luglio 2021. Altri sono in corso di riprogrammazione e vi saranno future comunicazioni sulle nuove date. Pertanto i biglietti già acquistati per tutti gli eventi che saranno riprogrammati rimangono validi. Per gli altri non riprogrammati nel 2021 sarà emesso un voucher di pari importo, utilizzabile per l’acquisto di ingressi per gli eventi di UJ 21”. Lo comunica la Fondazione Umbria jazz con una nota.

Il sindaco di Perugia Andrea Romizi: “Il fatto che per l’edizione corrente questa splendida manifestazione non ci sarà ci rattrista molto – è il commento a caldo del sindaco Andrea Romizi – È una notizia dolorosa, che si aggiunge all’altra grande perdita di qualche settimana fa relativa al Festival del Giornalismo. Due grandi opportunità per Perugia, due grandi eventi che da sempre ci rendono orgogliosi e che hanno contribuito a far conoscere la nostra città in tutto il mondo. Ma, come espresso dagli stessi organizzatori di Umbria Jazz, questo è solo un arrivederci, un arrivederci che ci fa male, che ci pesa ma che d’altra parte ci aspettavamo e comprendiamo. Non ci resta che attendere con ansia il prossimo anno, quando le note del Jazz torneranno a essere la migliore colonna sonora delle nostre serate estive”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*