Il Decreto Liste d’Attesa Accolto Positivamente dai Cittadini Italiani

Riforma Sanitaria: I Cittadini Vedono un Futuro di Salute Migliore

Il Decreto Liste d'Attesa Accolto Positivamente dai Cittadini Italiani

Il Decreto Liste d’Attesa Accolto Positivamente dai Cittadini Italiani

Il senatore Francesco Zaffini, presidente della Commissione Sanità e Lavoro di Palazzo Madama e membro di Fratelli d’Italia, ha espresso il suo entusiasmo per la risposta positiva dei cittadini italiani al ‘decreto liste d’attesa’. Secondo un sondaggio condotto dall’Istituto Piepoli, i cittadini italiani hanno dimostrato di essere in grado di guardare oltre le polemiche politiche e di riconoscere i benefici che questa riforma porterà al sistema sanitario nazionale.

I risultati del sondaggio indicano che i cittadini italiani sono soddisfatti del decreto, che prevede misure volte a ridurre i tempi di attesa per le cure mediche. Questo provvedimento, che entrerà in vigore dopo l’estate, è stato accolto con favore perché offre la prospettiva di un accesso più rapido alle cure mediche.

Il Decreto, promosso dal Ministro Schillaci, è stato riconosciuto come un passo importante per rafforzare la capacità del sistema sanitario di rispondere alle esigenze di salute della popolazione. Tra le misure più apprezzate dai cittadini, vi è l’introduzione di una piattaforma per monitorare i tempi di attesa e l’ampliamento dell’offerta sanitaria, con l’estensione delle visite e degli esami anche nei giorni festivi.

Senatore Franco Zaffini

I cittadini hanno riconosciuto l’importanza di avere accesso a dati veritieri e aggiornati, che permetteranno di intervenire dove il sistema non funziona come dovrebbe. Un’altra misura apprezzata è quella nota come “salta code”, che prevede che ogni Cup si prenda in carico il paziente e garantisca la prestazione nei tempi previsti, pagando all’interno dello stesso ospedale la prestazione in libera professione intramoenia con le tariffe regolamentate, o ricorrendo al privato convenzionato.

Il senatore Zaffini ha inoltre sottolineato che, nonostante le critiche delle opposizioni, sono stati trovati i fondi necessari per la defiscalizzazione degli straordinari e per l’assunzione di nuovo personale. Ha inoltre ricordato che sono state introdotte semplificazioni per l’utilizzo dei fondi stanziati dal precedente governo per l’abbattimento delle liste d’attesa, che non sono stati spesi da tutte le Regioni.

Infine, il senatore ha ricordato che, oltre al decreto legge, esiste anche un disegno di legge che sarà pienamente attuato, con l’impegno di continuare a lavorare per riportare il nostro Sistema Sanitario Nazionale all’eccellenza che gli è sempre stata riconosciuta.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*