Cura domiciliare anti coronavirus su tutto il territorio regionale

 
Chiama o scrivi in redazione


Cura domiciliare anti coronavirus su tutto il territorio regionale

Cura domiciliare anti coronavirus su tutto il territorio regionale

La regione dell’Umbria avvierà le cure domiciliari per il Coronavirus, e lo farà su tutto il territorio regionale. E’ stato annunciato oggi dalla task force regionale dell’Umbria. È l’inizio della fase 2. La terapia domiciliare si farà con l’idrossiclorochina, un farmaco antico, in uso da oltre 70 anni. Ne ha parlato la professoressa Daniela Francisci, direttore del reparto di Malattie dell’Ospedale di Perugia.

“L’infezione da Sars-Cov2 – ha detto – nell’ottanta per cento dei casi non necessita di un ricovero ospedaliero, un 20% dei casi ha un decorso più severo e di questi poi una quota tra il 5% l’8% per cento ha necessità di accedere alle terapie intensive e, purtroppo, una quota significativa di questi soggetti può andare incontro al decesso. Una grossa fetta di pazienti Covid hanno una sintomatologia da lieve a medio-moderata che trascorre il tempo della loro infezione a domicilio. E’ molto importante riuscire a organizzare il protocollo di trattamento anche sul territorio”.

Il farmaco:E’ stato prescelto l’idrossiclorochina, utilizzato molto nella profilassi per via della malaria. E’ un farmaco che viene utilizzato ancora oggi nei pazienti con artrite reumatoide perché ha ampie attività immuno-modulante.  E’ un farmaco su cui ci sono già dati favorevoli. Nel 2004, ricercatori statunitensi avevano evidenziato in laboratorio una forte attività antivirale di questo farmaco contro il coronavirus responsabile della SARS (2). Il farmaco interferisce inoltre con la glicosilazione dei recettori cellulari di SARS-CoV-2. Il medicinale “va utilizzato per il trattamento di quei pazienti che presentano sintomi respiratori lievi e moderati e la durata della terapia è di 7 giorni. Vanno esclusi i pazienti cardiopatici, con retonopatie o affetti da favismo”.

Quali sono i pazienti? “Chiaramente il paziente che è sintomatico che non ha proprio nulla, non deve fare nulla se non un osservazione domiciliare. Il paziente grave che ha già un alterazione significativa della funzionalità respiratoria deve essere ospedalizzato. C’è una grossa fetta intermedia di pazienti che hanno sintomi respiratori lievi che possono beneficiare di questa terapia. Un protocollo molto semplice perché l’idrossiclorochina viene somministrata per bocca. La durata della terapia è di sette giorni. Quello che è molto importante è fare un anamnesi accurata del paziente per capire che non ci siano delle situazioni che controindicano l’utilizzazione di questo farmaco. E’ un medicinale in cui c’è moltissima esperienza, però è comunque necessario che il paziente, deve avere un’infezione da Sars-Cov2 documentata, certificata, quindi deve avere un tampone positivo, escludendo una serie di situazioni come delle cardiopatie aritmogene, oppure gravi retinopatie oppure una situazione come il favismo, un deficit enzimatico che può portare alle delle situazioni di sincope quando si attraversano i campi di fave. E’ possibile, dopodiché, iniziare. Si fa un tracciato elettrocardiografico di base veloce per escludere aritmie. Si fa il trattamento per sette giorni poi alla fine si controlla il tampone orofaringeo e il miglioramento clinico. Alla fine del trattamento si fa un secondo tampone, seguito possibilmente da un terzo a distanza 48/72 ore dall’ultimo, quindi i dati vengono raccolti in una scheda basale e poi in una di monitoraggio per poter aver poi avere un’idea generale di come questa terapia ha funzionato”.

“La somministrazione di questo farmaco a domicilio – ha spiegato la dottoressa Donatella Giaimo – ha comportato un’organizzazione non irrilevante che è stata definita attraverso un protocollo. Il farmaco, che va somministrato precocemente circa 48/72 ore dall’inizio dei sintomi, potrà essere prescritto dal medico di medicina generale, è a disposizione nel territorio regionale in quantità sufficienti e sarà distribuito dalla Protezione civile ai centri di salute”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*