Baiocco d’oro di Perugia al professor Baccarelli da Perugia a News York

Baiocco d’oro di Perugia al professor Baccarelli da Perugia a News York

Baiocco d’oro di Perugia al professor Baccarelli da Perugia a News York Si è svolta questa mattina nella Sala della Vaccara di Palazzo dei Priori la cerimonia di consegna del Baiocco d’Oro della Città di Perugia al Prof. Andrea Baccarelli. A conferire il riconoscimento, proposto all’Amministrazione comunale dal capogruppo di F.I. Massimo Perari, è stato il Vice Sindaco Urbano Barelli. Nato a Perugia il 6 Dicembre 1970, Andrea Baccarelli si è laureato con lode presso la Facoltà di Medicina dell’Università degli Studi di Perugia.

Nel 2000 ha ottenuto il Master di Sanità Pubblica

Nel 2000 ha ottenuto il Master di Sanità Pubblica con lode in Epidemiologia presso l’Università di Torino e nel 2003 ha conseguito la specializzazione con lode in Epidemiologia presso l’Università di Milano. Attualmente è Professore e Presidente della cattedra di Scienze della Salute Ambientale presso la Columbia University di New York e Direttore del laboratorio di precisione delle Bioscienze Ambientali.

Epigenetico ed endocrinologo

In qualità di epigenetico ed endocrinologo clinico certificato dalla Commissione, esplora i meccanismi epigenetici e molecolari come potenziali percorsi funzionali che collegano le esposizioni agli inquinanti ambientali alle malattie umane. Le sue attività di ricerca di laboratorio si concentrano specificatamente sull’epigenetica, la mitocondriomica e l’epigenomica computazionale.

Leggi anche – Massimo riconoscimento di Perugia, al professor Andrea Baccarelli, da Todi a New York

Il Prof. Baccarelli è inoltre il P.I. di molteplici progetti finanziati dal NIH (National Institutes of Health) e dal 2010 il suo laboratorio ha prodotto pubblicazioni all’incrocio tra epigenetica, epidemiologia molecolare e salute ambientale. Progetti recenti e in corso studiano gli effetti sulla salute derivanti da esposizioni ambientali, tra cui inquinamento atmosferico particolato, metalli, bisfenolo A, ftalati e pesticidi e fattori di rischio comuni, come la violenza psicosociale, il fumo passivo, la dieta materna e le alterazioni metaboliche.

Il laboratorio del Prof. Baccarelli ha condotto studi sulla popolazione statunitense, nonché su gruppi altamente esposti o condizioni speciali di esposizione in diverse località internazionali in Cina, Canada, Messico, Italia, Israele, Polonia, Tailandia, Oman, Bulgaria, Russia e altri paesi.

Tra le varie attività professionali svolte, si ricorda che il Prof Baccarelli è stato membro della Commissione Rinata EPA Scienze Endocrine Applicate (Accademia delle Scienze), Capogruppo del Dipartimento Salute ed Ambiente presso Harvard Chan School, membro del Programma John Hopkins presso l’Università di Baltimora e membro della Commissione Biotechnology Graduate Program presso l’Università di Milano.

Questa la motivazione alla base del riconoscimento: “Presidente della cattedra di Scienze della Salute Ambientale presso la Columbia University di New York, nonché Direttore del laboratorio di precisione di Bioscienze Ambientali, il Prof. Baccarelli è personalità riconosciuta nello studio dei meccanismi epigenetici e molecolari quali potenziali percorsi funzionali che collegano l’esposizione a sostanze inquinanti ambientali alle patologie umane.

Le sue elevate capacità, il costante impegno che dedica al sui lavoro ed ai suoi studi e gli importanti risultati sin qui raggiunti sono, per la nostra comunità, motivo di orgoglio e di riconoscenza”. Aprendo la cerimonia il vice sindaco Urbano Barelli ha definito quella odierna una giornata particolare perché oggi la città di Perugia premia uno dei suoi “figli migliori”.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Dunque un momento di festa, poiché il baiocco d’oro è il riconoscimento della qualità di una persona. Ed è proprio di persone come il Prof. Baccarelli che Perugia ha bisogno, ossia di talenti in grado di aumentare la capacità della città di stare al passo col resto del mondo.

Oggi il Prof. Baccarelli è riuscito a fare questo, cioè a rappresentare un fulgido esempio di qualità in un settore di ricerca particolarmente impegnativo; e tutto ciò pur in tempi difficili come sono quelli che stiamo vivendo. Per questo vogliamo sentitamente ringraziarlo, perché le comunità progrediscono solamente grazie a queste qualità che, peraltro, si sono formate nel nostro territorio”.

Il vicesindaco, dunque, ha confermato che Perugia e la sua università sono in grado di formare talenti di assoluto valore; ora la sfida per il futuro è capire come si possa riuscire a conservarli e valorizzarli. Infine Barelli ha sottolineato che la cerimonia rappresenta un’occasione imperdibile per parlare alle comunità di Perugia e Todi, ma dell’Umbria tutta; il messaggio da trasmettere è che i campanilismi non hanno più alcun senso, ma che, al contrario, occorre dialogare e fare squadra per costituire delle comunità coese in grado di crescere.

Ad aver proposto l’onorificenza a Baccarelli è stato Massimo Perari, capogruppo di F.I. il quale ha sottolineato l’importanza della formazione ricevuta dal Professore a Perugia e Todi; una formazione di qualità che ha dimostrato di fare la differenza.

Perari ha tenuto a sottolineare che Baccarelli si sta occupando di una materia che mai come oggi è attuale e centrale per le comunità, ossia quella delle modifiche ambientali.

Ha quindi sostenuto che il premio deve essere un incoraggiamento ulteriore ad approfondire ancora di più questo settore della ricerca. Visibilmente emozionato, il Prof. Baccarelli ha confermato di essere rimasto senza parole alla notizia dalla volontà da parte dell’Amministrazione di Perugia di consegnargli il baiocco d’oro. Un riconoscimento – ha detto – che amplifica i bellissimi ricordi legati agli anni vissuti a Perugia, dapprima da bambino e poi da universitario, questi ultimi fondamentali per la sua formazione.

Nello spiegare il senso delle sue ricerche, il Prof. ha sottolineato che le stesse si incentrano sugli agenti chimici ed, in particolare, sulla capacità degli stessi di influenzare l’ambiente ed il dna umano.

In questo percorso così difficile – ha continuato – è fondamentale fare squadra, perché solo lavorando insieme si ottengono risultati apprezzabili. Dunque il premio, ha concluso, non è personale, ma deve essere condiviso con tutta la città di Perugia che gli ha permesso di formarsi e di avere successo nel proprio campo. Presenti all’incontro di oggi anche il Cardinale Ennio Antonelli, già Vescovo di Perugia, ed il sindaco di Todi Antonino Ruggiano; q uest’ultimo ha manifestato l’orgoglio da parte della città di Todi per il fatto di avere in Baccarelli uno straordinario ambasciatore nel mondo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*