Parco Urbano di Bastardo, la Lega denuncia: “Sporcizia e degrado”

Parco Urbano di Bastardo, la Lega denuncia: "Sporcizia e degrado"

Parco Urbano di Bastardo, la Lega denuncia: “Sporcizia e degrado” Nuova denuncia di degrado nel Comune di Giano dell’Umbria dopo quelle relative a lavori pubblici iniziati e mai finiti, realtà dimenticate dopo il sisma, strade piene di buche, erba alta e luoghi di ritrovo, per grandi e piccini, in stato di abbandono.
Questa volta ad essere finito sotto la lente d’ingrandimento è il Parco Urbano nella frazione di Bastardo. “Nato come luogo di ritrovo, soprattutto per i più piccoli – commenta il referente della Lega di Giano dell’Umbria, Manuel Petruccioli – purtroppo non sono state (quasi mai) apportate migliorie ai giochi dopo anni di utilizzo e usura.

Oltre ad alcune scritte un po’ troppo sopra le righe, i giochi sono stati danneggiati sia dagli agenti atmosferici, sia dalla fruizione di persone poco educate che compiono atti vandalici, oltre a lasciare a terra bottiglie di vetro rotte, mozziconi e rifiuti di ogni genere.  E che dire dell’”anfiteatro” che, oltre ad essere diventato un enorme cestino di rifiuti, è stato anche trasformato in un luogo dove fare uso di droghe? Da circa tre settimane, alcuni genitori che portano i propri figli al Parco, hanno scoperto siringhe usate e abbandonate. L’indignazione aumenta se si pensa che il Comune ha acceso un mutuo per poter realizzare il parco stesso, mutuo gravante sui cittadini gianesi.

La Lega di Giano dell’Umbria – prosegue Petruccioli – invita l’attuale Giunta Comunale a porre maggiore attenzione su questa problematica. Di sicuro faremo presente la situazione anche a livello regionale. Ricordiamo che a pochi metri da questo Parco ci sono la Scuola dell’Infanzia e, anche se ancora in costruzione, la Scuola Primaria e che, molto spesso con le belle giornate, i bambini vengono portarti ai giardinetti attraversando proprio il Parco Urbano. La sicurezza dei bambini deve venire prima di tutto”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*