Terremoto, Cia, Umbria agricola in tre anni perde 14 per cento di fatturato

 
Chiama o scrivi in redazione


Terremoto, Cia, Umbria agricola in tre anni perde 14 per cento di fatturato

Terremoto, Cia, Umbria agricola in tre anni perde 14 per cento di fatturato E’ l’Umbria la Regione che ha più risentito delle conseguenze del sisma dell’Italia Centrale. Il valore della produzione agricola, dal 2015 al 2017, è sceso del 15%, con un fatturato che in tre anni è passato da quasi 845 milioni di euro a 715 milioni perdendo il 14%. E’ quanto emerge da un’analisi dell’Ufficio Studi Cia su dati Istat, che nella triste classifica delle regioni colpite, vede al secondo posto le Marche con un calo del 6% del valore della produzione agricola (1,1 miliardi di euro nel 2017 a fronte di 1,2 miliardi del 2015) e -4% del valore aggiunto agricolo.

© Protetto da Copyright DMCA

Il terremoto, quanto ai settori più colpiti ha inciso principalmente sulla zootecnica (nel Lazio la carne ovicaprina ha perso il 16%, mentre la carne bovina il 6% nelle Marche) e nel comparto lattiero-caseario (latte ovicaprino -32% nel Lazio; -17% nelle Marche; 13% in Umbria). In Abruzzo è diminuita la produzione di olio (-12%), ma è andata meglio la vitivinicoltura (+30%), lallevamento di carne suina (+23%) e la coltivazione delle patate (+23%).

L’Umbria ha avuto il calo più consistente nella cerealicoltura (-46%), ma ha contato nel 2017 un incremento del 22% nella produzione di carne suina. Una sorta di borsino delle difficoltà che hanno incontrato le aziende agricole, ha detto la Cia, tenendo presente che comunque il settore del Centro Italia si è tenuto in piedi grazie soprattutto al grande lavoro degli agricoltori e alla solidarietà di tutti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*