Primi d'Italia

Perugia, rassegna online del comune, difendiamo il diritto d’autore, senza ledere quello all’informazione

Rotatoria a Ferro di Cavallo, approvazione dell’ODG della consigliera Mori

da Emanuela Mori (Consigliera Comunale Gruppo PD)
La proposta che sta circolando in questi giorni di consentire l’accesso alla Rassegna stampa quotidiana del Comune a tutti, dipendenti e cittadini, è inaccettabile! Rendere pubblica la rassegna del Comune porterebbe oggettivamente ad un ulteriore crollo delle vendite dei quotidiani locali, motivo per il quale molte edicole si trovano in sofferenza, e diverse testate sono a rischio chiusura.

Inoltre il Comune di Perugia violerebbe la legislazione in materia , in particolare l’Accordo di intesa tra FIEG (Federazione Editori) e ANCI siglato nel 2013 a tutela del diritto d’autore e al contempo delle specifiche esigenze informative degli Enti stessi. La conseguenza più immediata è stata la costituzione del Repertorio Promopress Srl, con il compito di raccogliere i compensi dallo sfruttamento dei diritti di riproduzione e all’interno del quale rientra il 96% degli editori italiani di quotidiani; la Promopress ha raggiunto un accordo con le Società fornitrici di rassegne stampa che nel 2015 sono tenute a versare l’8% del loro fatturato agli editori.

Concludendo, il mio diniego ad una rassegna stampa aperta a tutti si sostanzia su 3 argomenti: il Comune di Perugia potrebbe dover affrontare un incremento di spesa per il rispetto delle normative citate; si aggraverebbe la crisi già in atto delle rivendite di quotidiani; ultimo, ma non per importanza, si danneggerebbero ulteriormente le vendite di testate giornalistiche. Qualora si ritenesse opportuno permettere l’accesso alla rassegna stampa on-line come “memoria storica”, si potrebbero semmai rendere accessibili e consultabili gli articoli dei quotidiani fino al giorno precedente.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*