Primi d'Italia

Orte-Civitavecchia, Galgano (CI): infrastruttura strategica per il Centro Italia

Raddoppio Spoleto-Campello, Galgano (CI): tempi biblici, dopo 16 anni basta ritardi
Adriana Galgano

Orte-Civitavecchia, infrastruttura strategica per il Centro Italia

Orte-Civitavecchia, prendo atto del fatto positivo che il Ministero dei Trasporti si sia occupando della sblocco dei lavori della superstrada. Tuttavia non ho, purtroppo, ricevuto risposta rispetto a quanto richiesto nella mia interrogazione ovvero notizie sui tempi di completamento dell’opera. Tornerò, quindi, a richiederlo perché dobbiamo alle nostre comunità come governo e maggioranza risposte chiare sui tempi. La Orte-Civitavecchia è stata, infatti, definita la ‘regina delle incompiute‘ e non potrebbe che essere così visto che, dopo 50 anni, deve essere ancora terminata”. Così Adriana Galgano, deputata del gruppo Civici e Innovatori, discutendo in commissione Ambiente, la sua interrogazione sul completamento della superstrada Orte-Civitavecchia.

Rispondendole, il sottosegretario Del Basso De Caro ha, infatti, ufficializzato che il 20 gennaio 2017 è stato espresso dalla commissione competente parere negativo rispetto alla richiesta di Via presentata per il lotto del tratto Monteromano est-Civitavecchia. Il parere è stato trasmesso al Ministero dei Trasporti che, vista la rilevanza dell’opera, ha attivato le procedure propedeutiche alla composizione del dissenso provvedendo alla composizione di una specifica relazione istruttoria.

“Vorrei, anche, evidenziare – ha detto ancora Galgano – che il completamento della superstrada è strategico per tutto il Centro Italia. La Orte-Civitavecchia è, infatti, di fondamentale importanza anche per l’Umbria. Le imprese del Ternano e della provincia di Terni aspettano da decenni che venga completato l’accesso al Mar Tirreno. E’, infatti, chiaro a chiunque si occupa di infrastrutture, quanto sia un elemento strategico in termini di competitività”.

I lavori per il collegamento veloce della superstrada Orte-Civitavecchia, tratto laziale della SS675 che parte da Terni diretta verso il litorale tirrenico, sono iniziati nel 1975 e ancora non sono terminati. Il percorso è lungo circa 75 chilometri e devono essere completati 24,4 chilometri. Dopo 42 anni di cantieri l’infrastruttura non è ancora stata ultimata a dispetto delle attese delle imprese ternane e della provincia di Terni che aspettano il collegamento con il Mar Tirreno da decenni per aumentare la loro competitività.

 

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*