Due legni ed un rigore negato, il Perugia cede al Pordenone (1-2)

 
Chiama o scrivi in redazione


Due legni ed un rigore negato, il Perugia cede al Pordenone (1-2)
ph Roberto Settonce

Due legni ed un rigore negato, il Perugia cede al Pordenone (1-2)

di Clero Bertoldi
PERUGIA – Coloo gobbo (e un po’ bugiardo) dei friulani che sbancano il Curi e conquistano il terzo posto in classifica in condomino. Il Perugia, che ha colpito due pali ed ha reclamato due calci di rigore (su Buonaiuto e nel finale su Rajkovic) vede sempre più sfumare i sogni di un aggancio ai play off.

Cosmi effettua due soli cambi rispetto alla trasferta in Veneto: esterno a sinistra Dragomir (riportando Mazzochi a destra e lasciando a riposo Benzar) e centravanti Buonaiuto con la riconferma di Melchiorri. Iemmello, ultimamente spaesato, resta all’inizio in panchina. Tesser, dal canto suo, preferisce Vogliacco quale esterno difensivo a destra a Semenzato. In attacco schiera Candellone-Ciurria con Tremolada alle loro spalle.

Doccia fredda in avvio per i grifoni. Dopo 70” Pobega arriva sul fondo a sinistra, appoggia all’indietro per Tremolada che, controlla di destro e calcia di sinistro, disegnando un assist al bacio, sul secondo palo, per la testa di Mazzocco, rapido a bruciare sul tempo Dragomir. La replica biancorossa, comunque, si rivela immediata: al 6′ Falzerano si inserisce e dal limite lascia partire un siluro sul quale Di Gregorio nulla può. Poco dopo i grifoni protestano con vigore, anche se con correttezza formale, per l’atterramento in area di Buonaiuto ad opera di Vogliacco: per l’arbitro la netta trattenuta per la maglia del friulano non è punibile. I biancorossi si rifanno vivi con Mazzocchi e Melchiorri (ancora una bella prestazione): la cui elegante girata viene murata da un difensore.

Spettacolare ancora la torsione di testa, in diagonale, al 21′ di Melchiorri su cross di Mazzocchi: purtroppo a lato. Il Grifo manovra con fluidità, tiene il pallino del gioco, sembra poter passare da un momento all’altro. Sulla fascia mancina spadroneggia (al 32′) Buonaiuto che serve Nicolussi Caviglia. La mezzala entra in area e conclude con violenza: la palla si infrange sulla traversa. Ed ecco la prima beffa. Pordenone cala il jolly: lancio dalla trequarti di De Agostini e, Ciurria, al volo con una esecuzione spettacolare, sorprende Sgarbi prima e Fulignati poi.
All’inizio della ripresa (al 5′) è un palo pieno colpito, su girata, da Carraro a dire di no ai padroni di casa.

Al 10′ st si infortuna Di Gregorio colpito involontariamente, nell’area piccola, da Melchiorri che si era lanciato su cross di Mazzocchi. Il portiere, esce in barella (con collarino) e viene condotto in ospedale per accertamenti. Lo sostituisce Bindi.

Al 20′ Cosmi richiama Buonaiuto (bella priva anche la sua) e manda in campo Iemmello. Re Pietro quattro minuti dopo ha una palla gol ma il suo tiro viene deviato in angolo da Barison. Come in corne, sull’altro fronte, mette Rosi su tiro di Ciurria. Ecco una nuova mazzata per i padroni di casa. Per uno “Svegliati” rivolto all’arbitro da Falzerano la mezzala viene espulsa e lascia i compagni in 10. Nonistante l’inferiorità numerica il Perugia continua ad attaccare e nel finale reclama un rigore per atterramento di Rajkovic.

Niente da fare. La sconfitta interna probabilmente preclude ogni speranza di aggancio di una posizione significa cattiva nei play off. Ma quanta jella si porta dietro il Grifo…

Perugia-Pordenone 1-2
PERUGIA (3-5-2): Fulignati 6; Rosi 6 (42′ st Benzar sv) Sgarbi 5.5 Rajkovic 6; Mazzocchi 6.5 Falzerano 6.5 Carraro 6 Nicolussi Caviglia 6.5, Dragomir 6; Buonaiuto 6.5 (20′ st Iemmello 6) Melchiorri 6.5. A disp.: Albertoni, Nzita, Righetti, Kouan, Konate, Capone, Iemmello. All.: Cosmi 6.5.
PORDENONE (4-3-1-2): Di Gregorio 6 (10′ st Bindi 6); Vogliacco 6 Barison 6 (29′ st Almici 6) Bassoli 6 De Agostini 6.5; Mazzocco 6.5 Burrai 6 Pobega 6.5; Tremolada 6.5 (24′ St. Zammarini 6); Ciurria 7 Candellone 6 (24′ st Bocalon 6). A disp.: Passador, Stefani, Chiaretti, Semenzato, Pasa, Misuraca. All.: Tesser 7.
ARBITRO: Camplone 6.
Guardalinee: Bercigli-Raspollini.
Quarto uomo: Ayroldi.
MARCATORI: Mazzocco (Pn) al 2′ pt, Falzerano (Pg) al 6′ pt., Ciurria (Pn) al 39′ pt,
ESPULSI: Falzerano al 36′ st.
AMMONITI: Vogliacco (Pn), Sgarbi (Pg), Bassoli (Pn), Rajkovic (Pg), Candellone (Pn), Tremolada (Pn), Melchiorri (Pg), Carraro (Pg)
NOTE: Ang.: 4-3 per il Pordenone. Rec.: 1′ pt, 7′ st.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*