Sogesi di Cannara, il baratro è dietro l’angolo, 200 lavoratori a rischio

 
Chiama o scrivi in redazione


Sogesi di Cannara, il baratro è dietro l’angolo, 200 lavoratori a rischio

Le lancette dell’orologio si muovono inesorabilmente. Domani ci sarà il subentro di un’altra azienda alla Sogesi di Cannara che aprirà le porte del baratro per i lavoratori della nostra regione. Tutto ciò è la conseguenza di bandi vecchi di anni per appalti di lava-nolo e sterilizzazione negli ospedali umbri, non corrispondenti alle nuove esigenze in fase di pandemia”.

Lo evidenzia il capogruppo del Partito democratico a Palazzo Cesaroni, Tommaso Bori che fa sapere di aver incontrato i lavoratori che hanno protestato in piazza Italia a Perugia.

“Quello della Sogesi è un altro annuncio senza riscontro, perpetrato dalla Giunta Tesei e dalla sua maggioranza – spiega Bori – che si era impegnata a promettere un futuro ai lavoratori spaventati e preoccupati per il prosieguo del business dell’attività, messo in crisi anche dal Covid nel settore alberghiero, che stenta nella ripartenza con il turismo a breve termine.

Per questo torniamo a sollecitare la maggioranza, affinché al di là di foto e video di circostanza, agisca concretamente e soprattutto velocemente per i lavoratori della Sogesi, evitando la progressiva smobilitazione dell’attività dall’Umbria”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*