Natale sicuro, sequestrate oltre 11mila prodotti natalizi

Le Fiamme Gialle hanno condotto due interventi, rispettivamente presso il mercato settimanale di Orvieto e presso un negozio cinese di oggettistica varia

Natale sicuro, sequestrate oltre 11mila prodotti natalizi

ORVIETO – Militari della Tenenza della Guardia di Finanza di Orvieto, nell’ambito di due distinte operazioni hanno sequestrato oltre 11.000 prodotti tra cui luci a led, luminarie e prodotti elettrici a bassa intensità, addobbi natalizi, braccialetti e proiettori laser, privi dei requisiti statuiti dalle norme dell’Unione Europea che tutelano la sicurezza e la salute dei cittadini. Nell’ambito dell’intensificazione – disposta dal Comando Provinciale Terni nell’imminenza delle festività natalizie – dei servizi di controllo economico del territorio e di contrasto alle varie forme di abusivismo commerciale e concorrenza sleale ed ai connessi rischi per la salute dei consumatori, le Fiamme Gialle hanno condotto due interventi, rispettivamente presso il mercato settimanale di Orvieto – con il sequestro amministrativo di oltre 6.300 prodotti nei confronti di un venditore ambulante di nazionalità Ecuadoregna – e presso un negozio di oggettistica varia, di proprietà di un commerciante di nazionalità cinese, sequestrando in via amministrativa ulteriori 4.700 oggetti non sicuri.

A seguito di tali operazioni i due titolari sono stati segnalati alla Camera di Commercio di Terni per la successiva irrogazione delle previste sanzioni amministrative.

Le attività eseguite dalle Fiamme Gialle di Orvieto si inquadrano nelle rinnovate azioni strategiche del Corpo, volte a contrastare le forme di abusivismo economicofinanziario a tutela della sicurezza e salute dei consumatori, con interventi preventivi intensificati nei periodi delle festività. Dall’inizio dell’anno tale azione di contrasto ha consentito di sequestrare complessivamente circa 28.000 prodotti, la denuncia all’Autorità Giudiziaria di 7 responsabili nonché la segnalazione all’autorità amministrativa di 13 persone.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*