Bonus nido a rischio per le famiglie che iscrivono i bambini agli asili pubblici

Il comune ha aperto le iscrizioni in ritardo

Bonus nido a rischio per le famiglie che iscrivono i bambini agli asili pubblici

Bonus nido a rischio per le famiglie che iscrivono i bambini agli asili pubblici

dai Consiglieri Comunali del Partito Democratico Tommaso Bori, Sarah Bistocchi, Leonardo Miccioni, Alessandra Vezzosi e Diego Mencaroni 

PERUGIA – La denuncia arriva dai Consiglieri Comunali del Partito Democratico Tommaso Bori, Sarah Bistocchi, Leonardo Miccioni, Alessandra Vezzosi e Diego Mencaroni. Il rischio è concreto e alla base del problema ci sono i notevoli disagi registrati e causati dalla non ottemperanza da parte del Comune agli obblighi normativi del rispetto dei requisiti previsti per l’ottenimento delle autorizzazioni necessarie al funzionamento dei servizi d’infanzia.

“Come già abbiamo avuto modo di sottolineare tempo fa” – dichiarano i firmatari – “il Comune di Perugia sta sottovalutando il problema dei servizi educativi. Non è di certo la prima volta, basti pensare a come è stata gestita la questione delle mense scolastiche per esempio. Ad oggi c’è una nuova criticità. Infatti, dopo un periodo di assenza di termini certi di apertura delle iscrizioni ai nidi comunali, questa amministrazione ha aperto le iscrizioni per gli asili nidi comunali in notevole ritardo rispetto agli anni precedenti e rispetto a tutti gli altri comuni.

Le domande, infatti, si possono presentare solo a partire dal 6 luglio con chiusura dei termini al 26 di questo mese. Non sono pochi i problemi alla cittadinanza e le incertezze per le famiglie perugine, che in molti casi, non potendo attendere agosto per avere una conferma o meno dell’accettazione del proprio figlio/i al nido, si trovano costretti ad iscrivere i bambini agli asili privati”.

“Il Governo ha stanziato 144 milioni di euro per sostenere le famiglie ed aiutarle nelle spese per gli asili” – spiegano i consiglieri – “prevedendo un bonus di 1.000 euro per i bimbi nati a partire dal 1° gennaio 2016 (c.d. bonus nido). Per poterne beneficiare è necessario attestare l’iscrizione al nido, infatti la domanda sarà possibile solo nel caso in cui sia fornita prova dell’avvenuta iscrizione e del pagamento di almeno una retta di frequenza, oppure dell’avvenuto inserimento in graduatoria del bambino. In ogni caso l’erogazione avverrà solo a seguito di allegazione di ricevuta di pagamento. Terminati i fondi a disposizione non sarà più possibile presentare le domande, perciò è evidente che la tempistica delle richieste è fondamentale”

“A causa del ritardo delle iscrizioni negli asili di Perugia il rischio è che le famiglie che iscriveranno i propri figli presso gli asili pubblici non potranno accedere al fondo e, quindi, beneficiare del bonus per il pagamento della retta, mentre coloro che hanno iscritto o decideranno di iscrivere i bambini alle strutture private avranno maggiori possibilità di ottenere tale contributo”.
“Per questo abbiamo deciso di presentare un’interrogazione chiedendo al Sindaco Romizi ed alla sua Giunta se sono a conoscenza di questa problematica che intenzioni hanno per far in modo che tutte le famiglie abbiano le stesse possibilità di ottenere il bonus previsto dal Governo”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*