Teatro Mancinelli Orvieto, il sottosegretario Cesaro: va sostenuto e rilanciato. Galgano (SC): cultura identità di un popolo

Teatro Mancinelli Orvieto, Cesato: va sostenuto e rilanciato. Galgano (SC): cultura identità di un popolo
Il sottosegretario Cesaro e la deputata Galgano con lo staff del teatro e i rappresenti di Te.Ma

Teatro Mancinelli Orvieto, il sottosegretario Cesaro: va sostenuto e rilanciato. Galgano (SC): cultura identità di un popolo

“Sono qui per manifestare il mio sostegno alle ‘3 Lezioni di storia speciale di Edizioni Laterza’ organizzate dall’associazione Te.ma al teatro Mancinelli di Orvieto alla quale come Ministero abbiamo dato il patrocinio perché iniziative culturali di spessore come questa, che coinvolgono tra l’altro i ragazzi delle scuole, arricchiscono l’offerta culturale della città e contribuiscono a mantenere vivo il teatro che è il cuore pulsante di Orvieto e, come tale, deve essere salvaguardato e rilanciato”. A dirlo il sottosegretario al Mibac, Antimo Cesaro durante la visita organizzata al teatro Mancinelli di Orvieto per presentare l’iniziativa che prenderà il via il 9 ottobre insieme alla deputata del gruppo di Scelta Civica, Adriana Galgano. Ad accompagnarli il consigliere di amministrazione di Te.ma,Cristina Calcagni.

“Vorrei anche sottolineare la gratuità di questa iniziativa – ha aggiunto – soprattutto in un momento di difficoltà nel reperimento di risorse per il settore della cultura come quello attuale. Questa è l’Italia che ci piace e che vogliamo raccontare, quella che di fronte ai sacrifici si rimbocca le maniche e va avanti. Queste lezioni, organizzate al teatro Mancinelli di Orvieto, saranno inoltre un arricchimento per gli studenti che potranno confrontarsi con interlocutori di spessore qualificando il loro bagaglio formativo”. “Abbiamo la responsabilità di coltivare i nostri talenti – ha concluso Cesaro – di confrontarci con i nostri giovani ascoltando le loro critiche e mettendo a loro disposizione le nostre esperienze e queste lezioni saranno l’occasione per farlo”.

Per Adriana Galganola cultura innanzitutto rappresenta l’identità di un popolo ed è anche un potente volano di sviluppo sociale ed economico. La conoscenza della storia permette di comprendere e agire meglio nel presente e questa iniziativa è, quindi, un’occasione importante per gli studenti che per di più seguiranno le lezioni al teatro Mancinelli di Orvieto che fa parte della storia affascinante della città”. “Ringrazio di cuore il sottosegretario Cesaro – ha concluso – per il suo lavoro incessante a favore della cultura e per il suo interesse per il nostro territorio”.

LE LEZIONI DI STORIA SPECIALE

Nell’ambito della Stagione Teatrale 2016-2017 del Teatro Mancinelli di Orvieto saranno presentate (il 9 ottobre, 23 ottobre e 13 novembre) 3 Lezioni di Storia Speciale di Edizioni Laterza. Raccontare, appassionare, coinvolgere: il rigore scientifico di storici autorevoli, il palcoscenico di un teatro prestigioso e un pubblico curioso e sempre più partecipe. Questa la formula vincente delle Lezioni di Storia che approdano con un ciclo speciale a Orvieto con protagonisti alcuni tra i più prestigiosi nomi della storiografia italiana: Emilio Gentile (Il capo e la folla. La genesi della democrazia recitativa), Alberto Mario Banti (Il balcone di Manet e la morale borghese), Antonio Forcellino (Leonardo. Il genio senza pace). L’iniziativa, che ha ricevuto il Patrocinio del Comune di Orvieto e del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, è rivolta anche alle scuole secondarie di II grado, che parteciperanno gratuitamente ai 3 appuntamenti proposti.

Sono presenti nel cartellone della Stagione del Mancinelli anche due appuntamenti formativi (anch’essi gratuiti per le scuole) inseriti in Commemor-Azioni, spettacoli dedicati al tema della violenza contro le donne e alla giornata della memoria. Si tratta del reading musicale Non ho peccato abbastanza di Theama Teatro – in scena il 25 novembre in occasione della giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne – e Un volo leggero, con cui Evelina Mehnagi e gli altri componenti di Ashira Ensemble, tra racconti, suoni e canti, celebrano il 27 gennaio la giornata della memoria, per non dimenticare una delle pagine più tristi della Storia.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*