Unipegaso

Brad Mehldau: il formalista e l’improvvisatore

da Ruggero Fornari
Quello del trio di Mehldau era uno dei concerti più attesi di questa edizione di Umbria Jazz, dal momento che il trio non presenziava al festival da ben nove anni; attesa premiata da uno di quei concerti che lasciano il segno. Per l’occasione Mehldau ha scelto di non esplicitare le sue capacità tecniche, ma ha portato il concerto in una direzione intima e lirica. Il suo pianismo, pur sempre denso di contenuti, è costantemente al servizio del senso della forma, centro della costruzione quasi architettonica che permea l’improvvisazione del gruppo, che si avvale di un’interazione di livello superiore, sviluppata in dieci anni di intensa attività concertistica.
Il concerto comincia con l’eterea “After the After”, e prosegue con il blues “Solid Jackson”, dedicata a Charlie Haden, la delicata “Valsa Brasileira” di Edu Lobo, “West Coast Blues” di Wes Montgomery. Il gruppo presenta anche brani originali ancora in fase di elaborazione e privi di titolo, caratterizzati da un grande impatto energetico.

Il momento più intenso del concerto è lasciato per il finale: una reinterpretazione di “Si tu vois ma mère”, la ballad di Sidney Bechet, alla quale l’arrangiamento per trio pianistico si rivela particolarmente congeniale, ma che poi si evolve in un piano solo, un’improvvisazione meditata, lontana da ogni esuberanza virtuosistica, dove affiorano lirismo e sensibilità armonica, eleganza stilistica e ricerca meticolosa del tocco; l’eloquio di Mehldau prende per mano il pubblico, affascinato e attento, che alla fine del brano risponde con una calorosa ovazione.

Larry Grenadier e Jeff Ballard, ormai una delle sezioni ritmiche più coese del jazz internazionale, sembrano insostituibili; il primo forte di una compostezza apollinea che non preclude la fantasia, l’altro propulsivo e attento, sempre pronto a far decollare il pezzo.
È stata un’epifania, un un rapido incontro che ha colpito molti; non ci resta che sperare di rivedere presto il Brad Mehldau Trio in concerto.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*