Coronavirus Umbria, grazie a nuovi guariti calano attuali positivi – 42 Perugia

 
Chiama o scrivi in redazione


Coronavirus, nuovi casi ad Assisi, la situazione comune per comune

Coronavirus Umbria, grazie a nuovi guariti calano attuali positivi – 42 Perugia

La curva di contagio in Umbria rallenta, nonostante ci siano ancora tanti contagi. Mercoledì 501 nuovi casi a fronte di 4.700 tamponi effettuati e con un’incidenza del 10,66%, sotto la media settimanale pari al 12,15%. I nuovi contagi fanno aumentare gli attuali positivi di soli 30 casi grazie al numero elevato dei guariti: 460 in 24 ore. Ci sono, purtroppo, ancora 11 morti (68 nell’ultima settimana): 4 delle quali erano ricoverati in ospedale. A Terni hanno perso la vita due uomini di 78 e 82 anni, all’ospedale di Città di Castello è invece deceduta una donna di
88 anni residente a Spoleto. All’ospedale di Perugia ha perso la vita un anziano di Bastia Umbra. Gli altri sono di Perugia, Spoleto, Todi, Foligno, Narni e Montegabbione.

L’Umbria nella mappa del contagio elaborata dalla Fondazione Gimbe sembra trovarsi in una posizione meno allarmante, anche se risalgono i ricoverati; sono 444, sei in più rispetto al giorno precedente, di cui 75 in terapia intensiva (+5).

I calo gli attualmente positivi grazie ai guariti, nella città di Assisi (-9), Castiglione del Lago (-7), a Magione (-6), Orvieto (-9), Perugia (-42), a Spoleto (-7), e a Terni (-9).



A livello nazionale ieri + 34.282 con un livello di tamponi a oltre 234.000. “Dato ancora alto – spiega Salvatore Sonni – esperto statistico – ma si conferma l’appiattimento della curva di crescita. Brutto il numero dei decessi (+753) ma sappiamo che questo dipende da fattori pregressi; mentre è netto il rallentamento delle terapie intensive, con un bilancio netto sceso a +58 ricoveri. Migliora anche il bilancio degli Attuali Positivi + 9.358 unità. Siamo dunque – conclude – sulla strada giusta, con miglioramenti lenti e graduali che speriamo prendano più consistenza nei prossimi giorni”.



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*