Forte vento, incendio anche a Cannaiola di Trevi, altro intervento dei vigili del fuoco

Forte vento, violento incendio anche a Cannaiola di Trevi

Forte vento, incendio anche a Cannaiola di Trevi, altro intervento dei vigili del fuoco

Nella serata di ieri i vigili del fuoco del distaccamento di Spoleto sono intervenuti con tre mezzi, in zona Cannaiola di Trevi, per un incendio che ha interessato l’argine di un torrente in località Madonna della Stella. Sono momenti difficili per tutti i vigli del fuoco della regione. La bufera di vento sta facendo danni al territorio. Tutta la regione è interessata dagli interventi, si parla di piante, grondaie e quant’altro può essere spazzato via dal vento.

Brucia anche la palude di Colfiorito, in prossimità della Statale e nella strada che va verso la località Forcatura. Non è escluso in questo caso che possa esserci una mano dolosa. Il forte vento non ha reso facile lo spegnimento delle fiamme. Tre abeti sono stati letteralmente sradicati dalla tromba d’aria a Narni Scalo. Ieri piante ad alberi sono finite in strada lungo la E45, coinvolgendo alcune vetture, fortunatamente senza feriti, mentre a Foligno e Spello due grossi alberi sono finiti addosso a due auto distruggendolo. Nessuna persona si trovava all’interno.

Sono più di 180 gli interventi dei vigili del fuoco in tutta la regione e quasi 1.500 effettuati in tutta Italia da ieri: 400 nel Lazio, 380 in Campania, 200 in Abruzzo, 100 in Puglia, 90 in Molise, 60 in Sicilia, 30 in Calabria e 25 in Basilicata. E il numero stando alle previsioni è destinato, purtroppo, ad aumentare.

Il forte vento continuerà a imperversare anche oggi su gran parte d’Italia. Lo rende noto la Protezione Civile che ha emesso un ulteriore avviso di condizioni meteorologiche avverse che integra ed estende quello diffuso ieri. L’allerta prevede dalla tarda mattinata di domani il persistere di venti forti o di burrasca nord-orientali, con raffiche fino a burrasca forte, su Toscana, Umbria, Lazio, Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia, con possibili mareggiate lungo le coste esposte. Sulla base dei fenomeni in atto e previsti è stata valutata per la domani allerta gialla in Basilicata, Calabria e Sicilia.

 

Commenta per primo

Rispondi