Autopsia sul corpo del 16enne, Lamberto morto per edema cerebrale

Eseguita autopsia

Muore dopo pasticca di ecstasy: Lamberto Lucaccioni, il ragazzo di 16 anni morto dopo aver assunto dell’ecstasy, sarebbe stato stroncato da un edema cerebrale.

Eseguita questa mattina l’autopsia sul corpo del giovane dal medico legale di Rimini.

Il giovane, dopo aver assunto la sostanza, è stato quindi stroncato da una grave alterazione del sistema nervoso centrale dovuta a un rapido rigonfiamento del tessuto cerebrale. Il quadro più definito lo daranno gli esami tossicologici, grazie a un attento esame delle sostanze presenti nel sangue sarà possibile desumere la qualità della sostanza chimica ingerita da Lamberto.

Il suo giovanissimo cuore ha smesso di battere all’improvviso. E’ sotto choc Città di Castello per la morte di Lamberto Lucaccioni, ucciso da una pasticca di ecstacy, mentre ballava alla discoteca Cocoricò di Riccione.

E’ un ragazzo del 1996 di Città di Castello il presunto pusher di Lamberto Lucaccioni. Il giovane avrebbe ceduto l’ecstasy a Lamberto proprio a Città di Castello, prima della partenza per il mare. E’ emerso questo durante la conferenza stampa tenuta dai carabinieri di Riccione. I carabinieri hanno riferito che la cessione di Mdma, 3 grammi per 250 euro, sarebbe avvenuta nella serata tra giovedì e venerdì a Città di Castello. Lo stesso avrebbe confessato in lacrime. Decisiva per l’identificazione sarebbe stata la testimonianza degli amici che erano con lui.

Come sono andati i fatti: Una pasticca di ecstasy avrebbe stroncato Lamberto Lucaccioni. Il ragazzo di Città di Castello, era andato in discoteca a Riccione. Aveva sedici anni e viveva a Città di Castello. Il ragazzo era a Pinarella di Cervia (Ravenna), in vacanza con altri due amici di 17 anni. Alloggiava con i genitori di uno dei due compagni in un appartamento per le ferie. Ieri sera i tre ragazzi hanno preso il treno per Riccione, per andare a ballare al Cocoricò.

Lamberto si è sentito male sotto gli occhi dei due amici che subito l’hanno aiutato portandolo fuori dal locale, lì staziona sempre un’ambulanza del 118.

Il 16enne, trasportato d’urgenza all’ospedale Ceccarini, è deceduto poco dopo. Il magistrato di turno ha disposto l’autopsia. I genitori sono
arrivati in nottata da Città di Castello a Riccione.

I carabinieri si occupano delle indagini e queste si concentrano per capire dove i minorenni abbiano comprato droga e se in discoteca erano state servite loro bevande alcoliche.

“Voglio sapere tutto, voglio la verità…”: riesce a pronunciare solo poche parole, sotto choc, il padre di Lamberto. Le ha ripetute oggi all’avvocato Roberto Bianchi che rappresenta la famiglia. E sul giovane denunciato dai carabinieri per avere fornito la droga, l’uomo ha detto al legale: “pensaci tu”. La famiglia del ragazzo è chiusa nella sua abitazione di Città di Castello dove è molto conosciuta. “Da ieri sera è un via vai continuo di persone” ha detto ancora l’avvocato Bianchi che tiene informati i genitori del sedicenne di quanto sta accadendo. “La famiglia – ha detto ancora il loro legale -, ora vuole solo sapere la verità sulla morte del figlio.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*