Primi d'Italia

Sir Safety, va alla Dhl Modena il primo round

In un PalaPanini completamente esaurito, con circa cinquecento fantastici Sirmaniaci, i padroni di casa trovano una giornata eccezionale dai nove metri e chiudono in tre set il primo atto della finale scudetto

Sir Safety, va alla Dhl Modena il primo round
Gara 1 Finale PlayOff Scudetto, Campionato Italiano di pallavolo maschile Serie A1 SuperLega UnipolSai 2015/16. PalaPanini Modena, 01.05.2016

Sir Safety, va alla Dhl Modena il primo round

PERUGIA – Va alla Dhl Modena il primo round della finale scudetto. I gialli padroni di casa, in un PalaPanini completamente esaurito in ogni ordine di posto, superano 3-0 la Sir Safety Conad Perugia in gara 1 della serie che assegna il tricolore. È la battuta il fondamentale decisivo del match. La squadra di coach Lorenzetti trova una prestazione eccezionale dai nove metri, collezionando 14 servizi vincenti ed tanta continuità con la sua batteria di saltatori (4 ace per Bruno e Lucas).

I Block Devils, seguiti a Modena da cinquecento fantastici Sirmaniaci, se la sono comunque giocata senza timori, trovando buone geometrie e lavorando anche bene con il muro, ma ovviamente i break presi con il servizio di Modena pesano nell’economia del match. Basta pensare al primo parziale quando la Sir era avanti 7-12 prendendo un break di 9-1 proprio in virtù del giro in posto uno di Lucas. Basta pensare al terzo parziale quando i bianconeri, oggi in maglietta rossa, hanno combattuto palla su palla fino ai vantaggi perdendo 27-25 su un altro ace di Lucas, il quinto del set.

Può sembrare strano dirlo dopo aver incassato un 3-0, ma Perugia torna da Modena anche con qualche aspetto positivo e che può essere linfa per gara 2 di giovedì sera. Perché la squadra di Kovac in diversi frangenti ha lavorato bene in attacco, ha lavorato bene a muro, si è costruita anche diversi contrattacchi per fare il break.

Atanasijevic e Kaliberda (15 punti con il 59% e 10 punti con il 75%) sono stati buoni riferimenti per la regia di De Cecco, mentre è mancato probabilmente il consueto apporto di Aaron Russell, ben tenuto dal muro e dalla difesa avversaria. Il martello a stelle e strisce, giocatore imprescindibile per lo scacchiere di Kovac e protagonista finora di una grande post season, avrà certamente modo di rifarsi in gara 2.

Da sottolineare, in un ambiente davvero elettrizzante e degna cornice di una finale scudetto, la solita eccezionale presenza di tifosi bianconeri. Circa cinquecento i supporters giunti da Perugia, encomiabili nel loro incitamento alla squadra e già pronti ad accendere il PalaEvangelisti giovedì sera.

Nella squadra di Lorenzetti, oltre alla già citata ottima prova al servizio, va evidenziata la capacità di contenere al minimo sindacale il numero degli errori gratuiti (appena sette nei primi due parziali) e la consistenza in attacco delle due principali uscite del gioco di Bruno, cioè Ngapeth e Lucas.

Nessun dramma comunque in casa Sir. È corretto dare i giusti meriti all’avversario per il match di stasera. Ed è altrettanto corretto ricordarsi che la serie non è certo finita, anzi. I Block Devils sanno bene che una serie al meglio delle cinque è ancora lunga e che giovedì avranno l’occasione del riscatto di fronte ai propri sostenitori e tra le mura amiche del PalaEvangelisti. Il sogno bianconero, nonostante lo stop di stasera, continua!

IL TABELLINO

DHL MODENA-SIR SAFETY CONAD PERUGIA 3-0
Parziali: 25-19, 25-17, 27-25
Durata Parziali: 26, 29, 38. Tot.: 1h 33’
DHL MODENA: Bruno 5, Vettori 10, Bossi 6, Lucas 11, Ngapeth 14, Petric 9, Rossini (libero), Sartoretti 1, Sens. N.E.: Donadio (libero), Soli, Casadei, Nikic, Sighinolfi. All. Lorenzetti, vice all. Tubertini.
SIR SAFETY CONAD PERUGIA: De Cecco 4, Atanasijevic 15, Birarelli 4, Buti 3, Kaliberda 10, Russell 7, Giovi (libero), Elia, Dimitrov, Fromm, Tzioumakas. N.E.: Fanuli, Holt. All. Kovac, vice all. Fontana.
Arbitri: Sandro La Micela – Omero Satanassi
LE CIFRE – MODENA: 11 b.s., 14 ace, 66% ric. pos., 32% ric. prf., 52% att., 5 muri. PERUGIA: 12 b.s., 4 ace, 44% ric. pos., 14% ric. prf., 50% att., 6 muri.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*