Sindaco Romizi incontra delegazione romeni in Italia

Il presidente ha voluto ringraziare il Comune di Perugia per le politiche sociali che sta ponendo in essere

Sindaco Romizi incontra delegazione romeni in Italia. Questa mattina il sindaco Andrea Romizi ha incontrato una delegazione del coordinamento dei cittadini romeni in Italia. In particolare hanno partecipato all’incontro, oltre a Romizi, il presidente del coordinamento dei cittadini romeni in Italia Stefan Stanasel insieme al figlio Claudiu ed il segretario nazionale dell’Associazione Cojocea Ion Leontin. E’ stato in incontro molto cordiale, che si è concluso con un reciproco scambio di doni. “La nostra visita  – ha sottolineato Stanasel – fa parte di un ciclo di incontri più ampio; abbiamo deciso di coinvolgere Perugia perché qui vivono circa 3500 cittadini rumeni, che salgono a 17mila in tutta la Provincia. Tenevamo molto a questo incontro perché vogliamo dare il nostro contributo alla città e stare accanto all’Amministrazione comunale”.

Il presidente ha voluto ringraziare il Comune di Perugia per le politiche sociali che sta ponendo in essere e per essersi dimostrato vicino alla comunità romena. “Noi vogliamo partecipare attivamente alla vita sociale e culturale di Perugia, perché la consideriamo non come una seconda casa, ma come una prima casa, visto che molti dei nostri figli sono nati qui. Abbiamo grande fiducia in questa Amministrazione e crediamo che, attraverso la partecipazione, la nostra comunità potrà dimostrarsi un valore aggiunto per l’Italia e Perugia in particolare”.

Il sindaco Andrea Romizi ha espresso grande soddisfazione per un incontro che ha consentito non solo di salutare i graditi ospiti, ma anche di confrontarsi con loro su temi comuni. “Siamo loro grati per quel pezzo di città che rappresentano, vista la presenza significativa dei romeni a perugia. Li sentiamo nostri concittadini e siamo, pertanto, disponibili a lavorare insieme per migliorare Perugia, valorizzando le buone energie e stimolando la collaborazione”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*