Gimbe, migliora in Umbria indice positivi per 100 mila abitanti

 
Chiama o scrivi in redazione


OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Gimbe, migliora indice positivi per 100 mila abitanti

Un miglioramento dell’indicatore dei casi Covid attualmente positivi per 100.000 abitanti in Umbria, 580, nella settimana 24-30 marzo emerge dal monitoraggio settimanale della fondazione Gimbe. Lo stesso rileva però anche un leggero aumento, dello 0,8%, dei nuovi casi rispetto alla settimana precedente. Sopra quella che è considerata la “soglia di saturazione” – emerge dai dati di Gimbe – i posti letto occupati da pazienti Covid in area medica, 41%, e terapia intensiva, 43%. Riguardo ai vaccini, secondo la fondazione la percentuale di popolazione che ha completato il ciclo vaccinale è pari al 4,5% (la media Italia è 5,3%). La percentuale di ultraottantenni è al 22,3% (28,8% a livello nazionale).


© Protetto da Copyright DMCA

Si osserva in Italia “una lieve riduzione dei nuovi casi a fronte di un incremento dei decessi. Stabili i casi attualmente positivi e le persone in isolamento domiciliare, in aumento i ricoveri con sintomi e le terapie intensive”. Lo sottolinea il monitoraggio indipendente della Fondazione Gimbe sulla settimana 24-30 marzo.

“Per la seconda settimana consecutiva – afferma Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe – a livello nazionale si rileva una lenta discesa del numero di nuovi casi e del loro incremento percentuale, anche se il dato risente di notevoli differenze regionali correlate al livello di restrizioni di 3 settimane fa”. In 9 Regioni, infatti, “l’incremento percentuale dei nuovi casi è ancora in crescita, soprattutto in 4 Regioni che 3 settimane fa si trovavano in area bianca o gialla (Calabria, Liguria, Sardegna e Valle d’Aosta) – evidenzia il report – Al contrario si rilevano riduzioni rilevanti in Regioni che 3 settimane fa erano in zona arancione o rossa. Inoltre, in 10 Regioni aumentano i casi attualmente positivi, dato che si riflette anche a livello nazionale”.

“Sul versante ospedaliero entrambe le soglie di allerta di occupazione dei posti letto da parte di pazienti Covid in area medica (sopra il 40%) e in terapia intensiva (sopra il 30%) sono superate a livello nazionale, attestandosi rispettivamente al 44% e al 41%: 10 le Regioni sopra soglia per l’area medica e 13 quelle per le terapie intensive”. Lo rimarca Renata Gili, responsabile Ricerca sui servizi sanitari della Fondazione Gimbe, commentando il monitoraggio indipendente Gimbe nella settimana 24-30 marzo.

In particolare, l’occupazione di pazienti Covid in terapia intensiva supera il 40% in Puglia, Friuli-Venezia Giulia, Umbria, Toscana, Molise, Lazio e il 50% in Piemonte, Provincia Autonoma di Trento, Emilia-Romagna, con valori superiori al 60% in Lombardia e nelle Marche. “Sul fronte dei nuovi ingressi giornalieri in terapia intensiva – puntualizza Marco Mosti, direttore operativo della Fondazione Gimbe – dopo la frenata registrata la scorsa settimana, il dato si è stabilizzato”.

In Italia “è ancora indietro la protezione di anziani e fragili: degli over 80 il 28,3% ha completato il ciclo vaccinale e il 27,4% ha ricevuto solo la prima dose. Ancora ai nastri di partenza la fascia 70-79 anni e nessun dato disponibile sui fragili. Eppure solo una rapida e massiccia immunizzazione di anziani e persone vulnerabili permetterà di riaprire in sicurezza il Paese”. A lanciare l’allarme è il report della Fondazione Gimbe sul monitoraggio della settimana 24-30 marzo.

“Se i vaccini rappresentano la via maestra per uscire gradualmente dalla pandemia – ricorda Nino Cartabellotta, presidente Fondazione Gimbe – è bene ribadire l’inderogabile necessità di proteggere in maniera prioritaria le persone fragili, più a rischio di sviluppare forme severe di Covid-19 che richiedono assistenza ospedaliera. Con l’attuale livello di sovraccarico degli ospedali, che non si ridurrà in tempi brevi, non possiamo più permetterci un nuovo rialzo di ricoveri e terapie intensive una volta avviate le graduali riaperture del Paese. Altrimenti – conclude – continueremo a rimanere ostaggio delle misure restrittive, il cui obiettivo primario è proprio quello di limitare il sovraccarico ospedaliero”. (Frm/Adnkronos Salute)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*