Caso Joan, tensione in Consiglio comunale a Perugia, consiglieri escono da aula

Caso Joan, tensione in Consiglio comunale a Perugia, consiglieri escono da aula

Caso Joan, tensione in Consiglio a Perugia, consiglieri escono da aula Subito dopo la discussione della prima interrogazione, il Consiglio comunale è stato comunque sospeso data la richiesta dei proponenti di poter avere la risposta all’interrogazione in oggetto dal Sindaco stesso, in assenza del quale il consigliere Bori ha annunciato l’uscita dall’aula dei consiglieri di opposizione, per protesta. “Il Consiglio comunale -ha ricordato ancora Bori- ha preso una posizione chiara chiedendo al Sindaco di riconoscere questo bambino, perchè se anche vi sono colpe in capo a qualcuno  in tutta questa vicenda, non è sicuramente Joan ad averne. E’ una situazione intollerante.

LEGGI ANCORA: Pd, caso Joan, c’è sentenza Tribunale civile, ma il sindaco fa come gli pare

Ci è voluto un giudice -ha proseguito- a dire al Sindaco che non si poteva sottrarre al suo dovere di riconoscere questo bambino e non è vero che a Perugia si è seguita la legge. Eppure, di fronte a un giudice che intima la trascrizione, apprendiamo oggi -ha concluso il consigliere Pd- che il Comune di Perugia ha presentato ricorso, danneggiando ancora una volta un bambino e la sua famiglia, esponendo così il comune a un ricorso per danni e un bambino a tutte le difficoltà che il suo mancato riconoscimentoimplica.”

Al termine del periodo di sospensione, il Consiglio è ripreso alla presenza del Sindaco, che ha quindi risposto all’interrogazione, illustrata dalla consigliera Sarah Bistocchi.

Il consiglio comunale –ha ricordato Bistocchi- lo scorso settembre 2017 ha approvato un ordine del giorno in cui si invitava il Sindaco, in veste di ufficiale di Stato Civile, a riconsiderare la situazione e procedere alla trascrizione dell’atto di nascita del piccolo Joan (nato, come si ricorderà, il 27 dicembre 2016 a Barcellona) con entrambi le madri, come risulta dall’atto di nascita validamente formato in Spagna il primo febbraio successivo.

E’ il primo caso –sostengono, ancora i consiglieri- in Italia e in Europa, di rifiuto totale di trascrizione di un atto di nascita e quindi di identità e documenti ad un bambino italiano nato da genitori italiani, con tutte le conseguenze del caso.

Sarah Bistocchi chiede le scuse dell’Amministrazione

Bistocchi ha, quindi, richiesto le scuse dell’amministrazione per la “latitanza mostrata che -ha detto- non può essere una strategia politica.” “In altre zone d’Italia -ha sottolineato ancora Bistocchi- atti simili sono stati trascritti, integralmente o parzialmente, ma trascritti dalle amministrazioni comunali.

Quali sono le intenzioni e le tempistiche di intervento

Chiediamo al Sindaco, quindi -ha concluso- quali sono le intenzioni e le tempistiche di intervento, al fine di sbloccare questa situazione e di concedere al piccolo Joan tutti i diritti fondamentali che gli spettano. Se siano, inoltre, in corso, ricorsi o controversie legali che rischiano di esporre il comune a cause e risarcimenti danni per la scelta in questione.”

Il sindaco Romizi, scusandosi per il ritardo

Il sindaco Romizi, scusandosi per il ritardo apportato alla discussione, dovuto, come ha spiegato, alla necessità di ulteriori e aggiornati approfondimenti, nel rispetto di tutti, ha ribadito che non è opportuno né esatto ricondurre le determinazioni dell’ente ad una sensibilità ad un orientamento politico o a un credo di una singola persona. “La tematica -ha precisato- sta mettendo in grande difficoltà tutti i comuni. Si sta attendendo una legislazione nazionale che dia ad ogni sindaco un’indicazione precisa. Quello che posso assicurare è che il sindaco non ha mai fatto nessuna pressione rispetto a quale soluzione si dovesse adottare, anche perché ritengo che debbano essere gli uffici a dover istruire la pratica seguendo la normativa vigente.”

Romizi ha quindi ricostruito le principali tappe della vicenda

Romizi ha quindi ricostruito le principali tappe della vicenda, a partire dal 1 febbraio, quando il Comune ha ricevuto la richiesta di trascrizione dell’atto di nascita dal consolato di Barcellona, nel quale il bambino risulta figlio di due madri (indicate come A e B), cittadine italiane residenti all’estero, unite civilmente all’estero.

“Si è resa necessaria anche – ha previsto Romizi – la traduzione giurata proprio perché la casisitica non è prevista dal nostro ordinamento, traduzione che è arrivata a marzo. A quel punto, il 19 aprile, si è chiesto alla Prefettura un parere in merito alla trascrivibilità dell’atto, a seguito anche di altre pronunce e la Prefettura ha ribadito la necessità di applicazione della normativa attualmente vigente.Per questo la trascrizione è stata rifiutata – ha spiegato ancora il Sindaco- salvo poi inviare un’ulteriore richiesta di parere al Ministero degli Interni, senza peraltro ricevere risposta. Dico ciò a testimonianza del fatto che da parte dell’amministrazione non vi è nessuna chiusura, ma, al contrario, abbiamo messo in campo tutte le iniziative per avere una valutazione più completa possibile.”

In seguito, le madri hanno presentato ricorso e il 13 dicembre

In seguito, le madri hanno presentato ricorso e il 13 dicembre lo stesso Ministero degli interni ha proposto la trascrizione parziale dell’atto, solo relativamente alla madre partoriente. L’ufficio ha, quindi, proceduto alla trascrizione parziale dell’atto, adeguandosi alle direttive imparate dal Ministero ma, a marzo, il tribunale ha ordinato la trascrizione integrale dello stesso, atto contro il quale l’avvocatura distrettuale, che rappresenta tutti gli ufficiali di stato civile, in autonomia, ha presentato reclamo il 14 maggio scorso. “Il Sindaco di Perugia -ha spiegato Romizi- non è assolutamente intervenuto in quel reclamo, ma è l’Avvocatura dello Stato in autonomia che l’ha presentato e l’ha comunicato per conoscenza alla Prefettura e al Sindaco in quanto ufficiale di stato civile da essa rappresentato. Non corrisponde, quindi, al vero il fatto che il sindaco si sia attivato per il ricorso.”

Nelle more del reclamo

Ad oggi, dunque, la trascrizione non è stata effettuata in quanto il decreto non è ancora esecutivo né l’esecutività risulta essere stata richiesta dalle parti. “Nelle more del reclamo -ha precisato ancora il Sindaco- abbiamo anche chiesto di poter procedere alla trascrizione e siamo in attesa da parte dell’avvocatura di una risposta al riguardo. In questo caso, insomma, il sindaco interviene non come amministratore locale ma come rappresentante del governo. Non vi è una ideologica avversione alla trascrizione come comprova lo scrupolo e la responsabilità che ha guidato i nostri uffici. A dimostrazione che è una questione complessa, sul Messaggero di oggi si legge della contestazione da parte di giudici delle trascrizioni fatte in alcuni comuni senza il vaglio di una normativa di riferimento Non è, dunque, una battaglia politica, ma una situazione legata ad un vuoto normativo ed è su questo allora che possono avere senso le battaglie politiche che mirano alla tutela dei diritti, non contro un Sindaco che non può che conformarsi alla legge e confrontarsi su ogni singolo passaggio di questa vicenda.”

Bori a Romizi, qui c’è un bambino in ostaggio

In replica, il consigliere Bori ha ricordato che qui c’è un bambino ostaggio di questa amministrazione, che non si tratta di un atto dovuto ma di una scelta precisa da parte del Sindaco. “State scrivendo – ha detto – la pagina più vergognosa dei diritti della nostra città e il fatto che una scelta ve la debba intimare un giudice vuol dire che siete in errore.”

In conclusione il Sindaco ha ribadito che non si può applicare la legge quando piace e non applicarla quando non piace. “Questa -ha detto- è una cultura che non mi appartiene.

Euronews Live

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*