Montagna arsa a Terni, la situazione non migliora quasi 200 gli sfollati [VIDEO]

Vigili del fuoco a lavoro ormai da 5 giorni

Montagna arsa a Terni, la situazione non migliora quasi 200 gli sfollati

PERUGIA – La situazione non migliora. Nelle ultime ore l’incendio di Rocca San Zenone ha divorato persino la zona di Piedimonte. 20 ettari di bosco rasi al suolo. Residenti svegli tutta la notte, con le fiamme che presto hanno preso sempre più piede e si sono estese anche sui terreni limitrofi.

Canadair disponibile dalle 11 di giovedì mattina che si rifornisce d’acqua al lago di Piediluco. L’incendio, in corso da domenica, ancora non è stato spento. Causa anche del forte vento che si è alzato mercoledì notte intorno alle 02.00, le fiamme si sono propagate.

La situazione è davvero critica, ed i residenti di Piedimonte/Fontana della Mandorla, chiedono a gran voce un presidio costante del territorio. “Le sterpaglie prendono subito fuoco, proprio come è successo ieri sera” – dichiara un abitante di Fontana della Mandorla che è rimasto sveglio tutta la notte ed alle 3 ha addirittura preso la macchina e perlustrato la zona. “La paura è che le fiamme possano minacciare le nostre case”.

Vigili del fuoco a lavoro ormai da 5 giorni. La Prefettura anche monitora la situazione insieme alle forze dell’ordine. Sul fronte giudiziario si indaga per dolo. Sale a 193, rispetto alle iniziale 59, il numero delle persone evacuate dalla propria abitazione a causa dell’incendio che da lunedì scorso sta interessando il territorio ternano della Valserra: lo rende noto la Protezione civile del Comune, che sta coordinando le operazioni di assistenza. Sono 23 le persone sistemate in albergo dal Comune, e due dalla Asl in un centro geriatrico. Nel dettaglio 80 persone provengono dalla zona di Rocca San Zenone, 49 dalla Fontana della Mandorla, 64 da Colli Rocca. La Protezione civile, insieme al servizio veterinario della Asl, sta inoltre lavorando alla sistemazione di numerosi animali domestici che devono anch’essi essere evacuati. In prossimità del luogo dell’incendio, da questa notte, c’è anche il sindaco di Terni Leopoldo Di Girolamo.

Nella giornata odierna, si è tenuta in Prefettura una nuova riunione per fare il punto sulle problematiche connesse all’incendio che dal 7 agosto sta interessando la zona circostante la località di Rocca San Zenone (Terni).

All’incontro, presieduto dal Viceprefetto Vicario dott. Andrea Gambassi, hanno partecipato il Vicesindaco del Comune di Terni, dott.ssa Francesca Malafoglia, i rappresentanti della Protezione civile regionale e comunale, del servizio viabilità della Provincia, dei Vigili del fuoco e delle RFI e Trenitalia.

Nello specifico, il rappresentante dei Vigili del Fuoco ha fatto presente che, grazie all’intervento durante la giornata di mezzi aerei e del personale impiegato a terra, la situazione appare, al momento, sotto controllo, anche se persistono numerosi focolai che, a causa del vento, potrebbero rendere necessario l’ulteriore impiego di mezzi aeree di personale per il definitivo spegnimento.

Sotto controllo anche l’incendio che dalla notte si è sviluppato a Stroncone dove i Vigili del Fuoco hanno circoscritto le fiamme. Domati, invece, gli incendi di Cesi e di Orvieto a Torre Ripesena.

I volontari della Regione stanno coadiuvando le operazioni di assistenza alla popolazione sfollata, anche per consentire rientri momentanei nelle abitazioni.

Il Comune si è occupato della sistemazione delle persone sfollate in alberghi della zona.

La riunione ha avuto l’obiettivo – oltre che di fare una sintesi della situazione in atto – di approfondire l’aspetto relativo alla stabilità della zona percorsa dal fuoco.

Al riguardo, i rappresentanti della Provincia hanno riferito che sono già iniziati i lavori di messa in sicurezza della strada provinciale Valserra – attualmente chiusa dal km 2 al km 5 – con la rimozione di piccoli massi e detriti e con il taglio della vegetazione che potrebbe invadere la carreggiata in caso di piogge, per consentirne la riapertura già nei prossimi giorni, almeno a senso unico alternato.

I tecnici del Comune di Terni hanno rappresentato che saranno effettuate apposite verifiche all’area per valutarne le conseguenze dell’incendio.

Print Friendly, PDF & Email

1 Commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*