Aborto farmacologico: Cgil Umbria, la Regione si accanisce contro le donne

 
Chiama o scrivi in redazione


Aborto in ospedale, Azienda: "Decorso regolare", aperta indagine interna

Aborto farmacologico: Cgil Umbria, la Regione si accanisce contro le donne

“La Regione Umbria sceglie di accanirsi contro le donne, la loro libertà ed autodeterminazione e lo fa con un provvedimento fortemente ideologico che riporta l’Umbria indietro di anni, allontanandola dal resto d’Europa”. È duro il giudizio della Cgil dell’Umbria rispetto alla scelta della giunta Tesei, su spinta dell’assessore leghista alla Sanità Luca Coletto, di abrogare la delibera regionale approvata nel dicembre 2018, che dava indicazione agli ospedali umbri di organizzare con day hospital il servizio per la interruzione volontaria della gravidanza (IVG) farmacologica.
“In pratica – affermano per la Cgil dell’Umbria Barbara Mischianti e Fabrizio Fratini – si nega alle donne la possibilità di scegliere il metodo meno invasivo per loro, imponendo un ricovero per 3 giorni e rendendo sempre più difficile il percorso per ottenere l’aborto farmacologico, il tutto con un evidente aggravio di costi per il sistema sanitario e per giunta andando ad intasare ulteriormente gli ospedali in epoca di Coronavirus”.

“Riteniamo la scelta della Regione assolutamente sbagliata e penalizzante – concludono Mischianti e Fratini – e per questo la Cgil è pronta a mobilitarsi al fianco delle associazioni delle donne”.

2 Trackbacks / Pingbacks

  1. “Sempre più difficile il percorso per ottenere l’aborto farmacologico in Umbria” – iIl documento firmato da dieci associazioni. Anche la CGIL umbra prende posizione contro il provvedimento della giunta regionale – Il paese delle
  2. “Sempre più difficile il percorso per ottenere l’aborto farmacologico in Umbria” – documento firmato da dieci associazioni. Anche la CGIL umbra prende posizione contro il provvedimento della giunta regionale – Il paese delle don

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*