Aeroporto, Leonelli: Dopo più di un mese ancora nessun cambio di passo

Passato più di un mese dall’approvazione in consiglio regionale della mia mozione che chiedeva il superamento dell'attuale Cda: non si è visto nulla. Non ho intenzione di fermarmi. Anche per questo nei prossimi giorni solleciterò nuovamente la Giunta per capire cosa si voglia fare e in che tempi

Sase riceve da Enac il certificato di aeroporto europeo

Aeroporto, Leonelli: Dopo più di un mese ancora nessun cambio di passo

“In Consiglio comunale a Perugia ci si chiede quale sia il futuro per l’aeroporto San Francesco di Assisi. È la domanda che faccio da mesi e che, il 3 dicembre scorso, si è trasformata in una mia mozione, approvata dal Consiglio regionale. In quell’atto chiedo il superamento del Cda attuale della Sase spa, la società di gestione dell’aeroporto internazionale dell’Umbria, al fine di avviare una fase nuova per il futuro dello scalo”.

Così il consigliere regionale del Partito Democratico Giacomo Leonelli, che prosegue: “Ho chiesto, inoltre, un tavolo straordinario di confronto istituzionale tra tutti gli enti locali e il mondo imprenditoriale regionale, al fine di realizzare una strategia di sviluppo pluriennale tesa a consentire allo scalo una programmazione economico-finanziaria che ne consenta lo sviluppo. È passato più di un mese, ma che è successo finora?”

“Da quel giorno – continua Leonelli – ancora, non si è visto nulla. Ma non ho intenzione di fermarmi. Anche per questo nei prossimi giorni solleciterò nuovamente la giunta della Regione Umbria per capire cosa si voglia fare e in che tempi. L’aeroporto e gli umbri non possono più aspettare decisioni che non arrivano mai”.

“Leggo – conclude Giacomo Leonelli – che si paventa pure l’ipotesi di una scuola di volo. Personalmente nutro qualche perplessità al riguardo. Continuo a preferire che lo scalo venga utilizzato per i voli passeggeri e per questo ritengo necessario potenziare le rotte definendo strategie di crescita nel lungo periodo. Anche per questo, come ho già detto, serve un cambio di passo, in primis nel management”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*