FESTA DELLA REPUBBLICA, PRESIDENTE MARINI: OGGI NECESSARIA ‘NUOVA REPUBBLICA’

FESTA DELL'UNITA' prefettura(umbriajournal.com) PERUGIA –  “In un momento così delicato e difficile per il nostro Paese, la celebrazione del 67° anniversario della nascita della nostra Repubblica, che abbiamo voluto festeggiare in un clima di sobrietà, rappresenta una occasione importante per ribadire e per ricordare, soprattutto ai giovani, i valori fondanti del nostro Stato, frutto della grande prova di coraggio degli italiani che scrissero la ‘pagina’ più dura, ma anche più bella della nostra storia recente: la lotta di liberazione dal nazifascismo”. Lo ha affermato la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, che stamani ha preso parte alle celebrazioni per la Festa della Repubblica che si sono svolte a Perugia.  “Quelli che ribadiamo in questa giornata sono i valori di libertà e democrazia – ha aggiunto – valori che ritroviamo nella Costituzione e che guidano, in particolar modo, noi che siamo chiamati al difficile compito di amministrare la cosa pubblica.

 

 

Oggi c’è la necessità che la nostra sia una ‘nuova Repubblica’, capace di raccogliere le sfide difficili del tempo presente, con Istituzioni che sappiano rinnovarsi e trasformarsi, per essere all’altezza di tali sfide”. “Una Repubblica – ha proseguito – che possa essere sempre più vicina soprattutto ai giovani, oggi i primi a pagare il prezzo della crisi economica, che rende per loro difficilissima la ricerca di un lavoro giusto. Difficoltà che mettono così a rischio il loro futuro, le loro prospettive di vita, la loro positiva energia e gli straordinari talenti che i nostri giovani posseggono”. “Il nostro essere italiani – ha voluto ricordare la Presidente – è testimoniato dalla capacità che abbiamo sempre avuto di superamento delle tante difficoltà, sempre uniti e impegnati a concretizzare il nostro futuro: dalla ricostruzione post-bellica alla sconfitta del terrorismo, dal riprendersi dai drammatici terremoti e dalle stragi della criminalità organizzata”.

“Ora – ha sottolineato – è di fronte a tutti noi il problema drammatico del lavoro e della crisi economica che per la loro gravità compromettono la stessa tenuta sociale della nostra società. Come ha ricordato il Capo dello Stato nel suo messaggio agli italiani, anche alla luce degli ultimi dati di autorevoli istituti di ricerca, il lavoro è e deve essere dunque il primo problema da risolvere. Solo così possiamo veramente manifestare, come ha ricordato il Presidente, la nostra volontà costruttiva”. “Come Presidente della Regione Umbria – ha detto ancora – non posso nascondere i miei sentimenti di preoccupazione di fronte alle difficoltà delle nostre aziende e, di conseguenza, di molte famiglie e di giovani. Ma, nello stesso tempo, ribadisco con forza, e nel pieno spirito auspicato dal presidente Napolitano, l’impegno che come Giunta regionale ci vede protagonisti, da tempo, su più tavoli tecnici per evitare drammi sociali inaccettabili per un Paese civile. E sono sicura che quest’impegno di tutti darà i suoi frutti. Con questa consapevolezza – ha concluso la presidente Marini – rivolgo a tutti gli umbri l’augurio di una buona festa della Repubblica”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*