Cinghiali, per Confagricoltura si deve potenziare controllo e contenimento

 
Chiama o scrivi in redazione


Cinghiali, per Confagricoltura si deve potenziare controllo e contenimento per Confagricoltura potenziare controllo e contenimento

Cinghiali, per Confagricoltura si deve potenziare controllo e contenimento

Per Confagricoltura Umbria quello del contenimento dei cinghiali che potrà ora essere praticato anche tramite caccia di selezione è un ulteriore e importante passo in avanti utile “per revisionare ed inserire strumenti fondamentali per perseguire il giusto obiettivo di una soddisfacente convivenza dei diritti di coltivare e allevare dell’agricoltore, delle istanze ambientali e dello sport venatorio”.

IN SINTESI
Bene il nuovo Regolamento regionale in arrivo sul prelievo venatorio tramite caccia di selezione agli ungulati, compreso il cinghiale, come era stato auspicato anche in sede di Consulta faunistico-venatoria. Potenziare ora altri strumenti di controllo e contenimento come l’utilizzo del trappolamento e la revisione di aree vocate e non per individuare quelle di intervento. Confagricoltura Umbria con i suoi esperti è pronta a mettersi ancora a disposizione della Regione ed è certa che anche dal mondo venatorio possa venire una risposta responsabile ad una chiamata generale per confezionare una strategia complessiva per il contenimento dei cinghiali, problema per anni trascurato, che scongiuri anche l’arrivo della peste suina africana
© Protetto da Copyright DMCA

Il presidente Fabio Rossi, a nome dell’associazione degli agricoltori, plaude alla proposta del nuovo Regolamento, approvato dalla Giunta regionale, per la gestione del prelievo venatorio degli ungulati. In questo modo l’estensione delle specie prelevabili con caccia di selezione anche ai cinghiali – oltre che ai caprioli, daini e cervi – è inserita con l’obiettivo di mettere in campo misure per diminuire la grande diffusione di questi sul territorio umbro che è causa di danni alle produzioni agricole e di rischio per l’incolumità delle persone e per la sicurezza stradale.

Del resto il tema del Regolamento in arrivo era stato già discusso durante la Consulta faunistico-venatoria. Regolamento che ora verrà trasmesso alla competente Commissione consiliare dell’Assemblea Legislativa per acquisire il parere obbligatorio e quindi l’operatività.

Dopo questo importante passaggio per le politiche regionali di gestione dei cinghiali, annunciato dall’assessore regionale all’Agricoltura e alla Caccia Roberto Morroni, per Confagricoltura è anche necessario ora potenziare altri strumenti di controllo e contenimento con l’utilizzo pure del trappolamento. “Attività già concordata nei scorsi mesi, sia al Tavolo Verde che alla Consulta faunistico-venatoria, alla presenza di tutte le associazioni – afferma Rossi, il presidente regionale di Confagricoltura – come strumento che può contribuire al contenimento della popolazione di cinghiali liberi perché consente l’incremento del prelievo demografico ed è utilizzabile specialmente in alcune aree particolarmente critiche”.

Per Confagricoltura è urgente anche la revisione di aree vocate e non per individuare quelle di intervento per la caccia di selezione.

LEGGI ANCHE – Confagricoltura, peste suina, un pericolo reale che va allontanato

Secondo Confagricoltura Umbria è inoltre necessario che la Regione metta subito allo studio sperimentazioni, anche su aree pilota, di strategie innovative per studiare l’efficacia di strumenti di intervento per assicurare la risoluzione delle criticità legate alla specie cinghiale: “A nostro avviso è un passaggio ineludibile per arrivare a confezionare una strategia complessiva di governo del fenomeno” commenta Rossi.

Confagricoltura, con i suoi esperti, è quindi pronta a mettersi a disposizione dell’Amministrazione regionale ed è certa che anche dal mondo venatorio possa venire una risposta responsabile ad una chiamata generale.

“D’altronde in questa epoca di particolare crisi – conclude Rossi – c’è anche da considerare l’altissimo rischio che attraverso una popolazione di cinghiali fuori controllo possa arrivare la peste suina africana, già presente nel centro Europa con pericolosissimi focolai, che distruggerebbe il comparto della produzione e trasformazione della carne suina. Inoltre di fronte alla grave crisi economica, la perdita di produzione alimentare per i devastanti interventi dei selvatici appare inaccettabile perché getta nella disperazione altre parti dell’economia reale oltre a quelle che vediamo tutti i giorni nei media”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*