Perugia, volley, in palio il Tricolore!

volley_sirPERUGIA – In palio il Tricolore! Tanto basta per rendere unica e storica la sfida che attende domani sera la Sir Safety Banca di Mantignana Perugia che affronta in trasferta, con fischio d’inizio alle ore 20:30, i padroni di casa della Cucine Lube Banca Marche Macerata per gara 1 della serie di finale scudetto UnipolSai.

Non si placa l’attesa in città per il grande evento che attende i Block Devils! Mentre già fervono i preparativi per gara 2, in programma domenica 27 al Pala Evangelisti, anche domani sera al PalaBaldinelli di Osimo, casa della Lube per questi playoff, saranno tanti i tifosi bianconeri al seguito per far sentire il proprio sostegno ai ragazzi in campo. Sarà un palazzetto, già da giorni, completamente esaurito e dunque uno scenario eccezionale degno di un grande evento come la finale scudetto.

Pochissimo tempo per recuperare per capitan Vujevic e compagni che, all’indomani di gara 5 a Piacenza, match indimenticabile per la Perugia sportiva, sono tornati subito in palestra per svolgere un leggero lavoro fisico e tecnico e per analizzare accuratamente lo studio tattico in funzione dell’avversario prima della partenza alla volta della Marche oggi pomeriggio.

Il clima di entusiasmo l’ha fatta da padrone al PalaEvangelisti, ma la squadra ha subito accantonato l’euforia per la conquista della finale per indirizzare tutte le energie fisiche e mentali verso la Lube. C’è soddisfazione, inutile negarlo, in casa Sir, ma l’appetito vien  mangiando ed ora l’obiettivo, che per molti a Perugia ha le sembianze di un sogno, è un triangolo colorato di bianco, rosso e verde…

Kovac, che si avvale al solito della preziosa collaborazione del vice Fontana, del preparatore atletico Sati e della coppia di scout Carloncelli-Monopoli, ha motivato da par suo la squadra, ben sapendo che adesso l’aspetto emotivo e caratteriale conteranno tantissimo.

Dovrebbe presentare il sestetto di tre giorni fa Kovac al fischio d’inizio, con Paolucci a dirigere le operazioni in cabina di regia e Mitic pronto a dare il suo contributo a gara iniziata. Per il resto, con Semenzato che potrebbe recuperare e quindi essere a disposizione dello staff tecnico, solito “6+1” con “Magnum” Atanasijevic (diffidato dopo il cartellino rimediato a Piacenza) opposto, la coppia Buti-Barone al centro, capitan Vujevic e “Drago” Petric in posto quattro e Giovi libero. Prontissimi all’uso, in un match che nei tre confronti diretti stagionali per ben due volte si è concluso al tie break, gli altri componenti della rosa Cupkovic, Della Lunga, Fanuli e Della Corte.

PalaBaldinelli come detto sold out ed avversario, come si conviene in una finale scudetto, da paura per i Block Devils!

La Lube, vincitrice della regular season ed ancora imbattuta in questi playoff (dopo lo 0-2 iniziale nella prima gara dei quarti di finale contro la Calzedonia, i marchigiani hanno inanellato quindici set consecutivi tra Verona e Modena), parte con in testa il solo obiettivo di riportare lo scudetto a Macerata. I tanti campioni marchigiani, guidati in panchina da coach Giuliani, hanno potuto svolgere in questi giorni un lavoro mirato proprio in preparazione della serie che assegna il titolo. Con l’eccezione del secondo libero Paparoni, tutti a disposizione per Giuliani, compreso il terzo centrale Patriarca ed il martello Kovar. È probabile vedere al via la diagonale azzurra formata da Baranowicz al palleggio e Ivan Zaytsev a randellare da posto due, la coppia tutta serba Stankovic-Podrascanin al centro (che derby con la colonia serba bianconera!), l’altro azzurro Parodi a far coppia con il nazionale polacco Kurek in zona quattro ed il francese Henno nel ruolo di libero.

È il primo match della serie e dunque estremamente importante per entrambe le contendenti per iniziale la finale con il piede giusto. Match per i Block Devils da vivere con grande entusiasmo e con la consapevolezza che sarà necessario lottare su ogni punto nella bolgia del PalaBaldinelli. Decisivo, come sempre, avere continuità e incisività al servizio e provare e mettere la museruola ai tanti frombolieri, Zaytsev e Kurek su tutti, del sestetto di casa.

Appuntamento dunque per domani sera, ore 20:30, PalaBaldinelli di Osimo. La Storia dei Block Devils, quella con la maiuscola, continua!

 

LA PRESENTAZIONE DEL MATCH DI SIMONE BUTI

 

“Non c’è tempo neanche di respirare che già inizia la finale. Adesso bisogna essere bravi ad azzerare ancora una volta tutto, le mille emozioni di Piacenza e ricominciare da capo perché si apre un’altra storia. Chiaramente Macerata sulla carta è favorita, è una squadra costruita per vincere. Noi abbiamo dimostrato di essere un gruppo grandissimo e unito e la serie con la Copra ha dimostrato che può essere l’arma vincente. Credo che ora l’aspetto mentale sia fondamentale e noi venderemo cara la pelle. Siamo in finale e ci vogliamo provare!”.

 

EX DELLA PARTITA

 

Due gli ex domani sera, entrambi dalla parte di Perugia. Nel roster della Sir figura il libero Andrea Giovi, a Macerata nella stagione 2008-2009. In panchina poi c’è Boban Kovac, da giocatore con la Lube dal 1995 al 1999.

 

PRECEDENTI

 

Cinque i precedenti tra le formazioni oggi in campo, due riguardanti la passata stagione e tre quest’anno. Tre le per la Lube. Due lo scorso anno, 3-0 a Macerata e 0-3 al Pala Evangelisti, una nel match d’andata della regular season 2013-2014, 3-0 al Pala Fontescodella. Due i successi per i Block Devils, entrambi in questa stagione, 3-2 nel confronto di ritorno in campionato a Perugia e sempre 3-2 nella semifinale di Coppa Italia.

 

DIRETTA RAISPORT 1

 

Gara 1 di finale playoff tra Macerata e Perugia, in programma giovedì 24 aprile, sarà trasmessa in diretta televisiva Raisport 1 a partire dalle ore 20:30.

 

PROBABILI FORMAZIONI:
CUCINE LUBE BANCA MARCHE MACERATA: Baranowicz-Zaytsev, Podrascanin-Stankovic, Kurek-Parodi, Henno libero. All. Giuliani.

SIR SAFETY BANCA DI MANTIGNANA PERUGIA: Paolucci-Atanasijevic, Buti-Barone, Vujevic-Petric, Giovi libero. All. Kovac.

Arbitri: Stefano Cesare – Daniele Rapisarda

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*