LA GRIFO SI RISCATTA CON UN POKERISSIMO

grifo_perugia_comoNel giorno dell’anniversario della scomparsa di Chiara Montagnoli, figlia di Rita Giorgelli dirigente della Grifo ed ex calciatrice, la Grifo affronta la Scalese e torna a sperare nei play-out. Le grifette approfittano in pieno dell’opportunità e sbaragliano le toscane con un netto 5 a 2 che non lascia spazio a recriminazioni. Fiorucci si presenta con un più offensivo 4-3-1-2  e i risultati in avanti si vedono, per tutto l’arco dei novanta minuti sono le padrone di casa ad aver in mano il pallino del gioco, ma soprattutto a creare occasioni da gol in quantità industriale. Nonostante questo, però, il primo tempo si conclude in parità con una rete per parte, la prima della Grifo, che apre le marcature con Marinelli sola contro il portiere ben imbeccata da Pugnali. Il pareggio ospite, invece, arriva circa a cinque dalla fine, dopo che la Grifo aveva sfiorato almeno quattro volte il raddoppio. Per fallo di mano molto dubbio, per usare un eufemismo, l’arbitro concede una punizione dal limite alla Scalese, Fenili si fa toccare il pallone e poi lo scaraventa con forza alle spalle di Monsignori, 1-1. Nella ripresa la Grifo riparte subito forte, andando vicino al nuovo vantaggio con Marinelli in un paio d’occasioni. Ma il gol non tarda ad arrivare ed in tre minuti, intorno al quarto d’ora, le biancorosse stendono la Scalese con un uno-due devastante, con le reti di Pugnali ed ancora Marinelli, entrambe su assist di capitan Natalizi. Cinque minuti dopo arriva anche il 4 a 1 che chiude virtualmente la gara, Natalizi si ripete in versione assist-man e Pugnali firma la sua doppietta personale. Dopo altre occasioni per la formazione di casa, dal nulla il direttore di gara concede un rigore agli ospiti per un altro presunto fallo di mano. Dal dischetto si presenta Diantoni che sceglie la soluzione forte e centrale, che non lascia scampo a Monsignori, 4-2. Il gol della Scalese arriva quando ormai manca poco alla fine della partita, ma non è tardi invece per la Grifo per ri8stabilire le distanze. E’ infatti Corinna Fiorucci questa volta a centrare il bersaglio, dopo un’azione a dir poco splendida sullo stretto in area di rigore avversaria.

GRIFO PERUGIA – SCALESE 5-2 (1-1)
GRIFO PERUGIA: Monsignori, Bianchi (11’st Ferretti), Parise, Fiorucci C., Saravalle, Monetini, Natalizi, Ricci, Pugnali (31’st Fiorucci G.), Ceccarelli, Marinelli (28’st Cianci). A disp.: Cucchiarini. All.: Fiorucci Giovanni
SCALESE: Frediano, Giatras, Lucente, Spagna S., Gironi, Baldi, Spagna I. (27’st Bachi), Chiorazzo, Diantoni, Panicucci, Fenili. A disp.: Barsotti. All.:
ARBITRO: Rossetti di Ancona (Moscatello – Servillo)
MARCATORI: 11’pt e 17’st Marinelli (G), 39’pt Fenili (S), 15’st e 22’st Pugnali (G), 38’st Diantoni (rig.) (S), 48’st Fiorucci C. (G)
NOTE: Spettatori 100 circa. Ammoniti: . Angoli: 5-1. Recupero: 0’pt e 4’st.

 

INTERVISTE

Valentina Roscini, Presidente della Grifo Perugia: “E’ una vittoria molto importante, che ci consente di dare un po’ di ossigeno alla classifica. Il percorso verso i play-out è ancora lungo, ma oggi siamo più sereni. Stiamo lavorando bene e i risultati iniziano a vedersi. Dedichiamo questa vittoria a Chiara Montagnoli, che da due anni ci ha lasciato, ma il suo ricordo è ancora vivo in tutti noi.

Giovanni Fiorucci, tecnico della Grifo Perugia: “Dopo un primo tempo in cui abbiamo sprecato molto, anche troppo, nella ripresa la squadra è entrata in campo con grande determinazione, portando a casa una vittoria meritata. I moduli? Siamo partiti con un 4-3-1-2, per poi passare ad un 3-4-3: la squadra ha recepito al meglio i cambiamenti, dimostrando di saper modificare l’assetto in corsa.

Gloria Marinelli, attaccante della Grifo Perugia: “Sono moto contenta per la vittoria e per le due reti segnate. Con questi tre punti possiamo tornare a respirare e a guardare al futuro con maggiore ottimismo. Anche oggi abbiamo dimostrato di non meritare l’attuale posizione di classifica.”

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*