Edil Rossi Bastia volley, coach Francesco Tardioli analizza il suo lavoro

Tardioli Francesco (Bastia Umbra)BASTIA UMBRA – Si avvicina il secondo fine settimana senza competizioni per la Edil Rossi Bastia che ha archiviato la stagione di serie B1 femminile e si sta godendo le meritate ferie.

Dopo nove mesi di lavoro la formazione biancoazzurra tira il fiato e si guarda alle spalle, stilando un bilancio finale che presenta dei lati chiari e dei lati scuri, ma che tutto sommato ha visto la squadra tra le protagoniste del girone.

A commentare la parte finale del campionato, quella in cui è balzato in sella, è il tecnico Francesco Tardioli: «Parlo solamente delle nove partite che la squadra ha giocato con me. Sapevo benissimo di trovare un gruppo radicato nel modo di vedere il volley anche perché molte lavoravano con lo stesso allenatore da anni. Senza dubbio un ottimo allenatore ed una splendida persona. Ma che, ovviamente e giustamente, aveva una visione diversa dalla mia in alcuni punti. Il gruppo, dopo un primo periodo di conoscenza, si è dimostrato volitivo sia nel lavoro proposto in palestra, sia nell’assimilare le nuove situazioni. Il mio bilancio è molto positivo, non solo per il mero discorso dei risultati ottenuti dato che abbiamo vinto sei partite su nove ed abbiamo mosso la classifica otto volte, ma soprattutto per la crescita tecnica che molte di loro hanno avuto in questi due brevi mesi».

Per l’allenatore di origine spoletina l’approdo sulla panchina bastiola ha rappresentato il rientro in Umbria, al termine di questo seppur breve periodo di lavoro, tiene a chiudere con dei doverosi saluti.

«A dir la verità sono dispiaciuto che sia finito il campionato perché ora incominciavo ad intravedere quello che a me piace della pallavolo, comunque voglio dire grazie a tutte le atlete indistintamente per come hanno svolto il lavoro. Vorrei fare un applauso ai dirigenti Luca, Antonello e Giorgio che con molta onestà hanno portato a termine un anno pieno di difficoltà ed insidie. Infine grazie ad Alessandro, Riccardo e Gian Luca che hanno cercato di rendere il più facile possibile il mio ingresso in una situazione non proprio idilliaca. Bastia Umbra ed i suoi tifosi meritano la B1… o forse qualcosa di più».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*