Academy, presentata l’affiliazione con la società molisana Asd Portocannone 1993

Una grande cerimonia per una grande collaborazione. E’ questo ciò che ieri è avvenuto a Portocannone, Comune di circa 2 mila abitanti in provincia di Campobasso, dove si è tenuta la presentazione dell’affiliazione tra la società molisana e il Perugia Calcio. L’affiliazione, che ha validità annuale, scade nel prossimo giugno, e si fonda principalmente su punto: il codice etico. “L’accordo è stipulato principalmente con il settore giovanile della nostra società – precisa Costantino Di Pietrantonio, presidente della società. Due sono le colonne su cui basa l’affiliazione: una speranza e una vetrina per i nostri calciatori più giovani. Un’opportunità di crescita per l’intero sistema sportivo di Portocannone. Infine, fatto importante, una delle clausole su cui potrebbe annullarsi l’affiliazione riguarda il comportamento in campo dei giocatori: prima che atleti devono diventare uomini attraverso la cultura del rispetto e della sportività”.

Una giornata intensa, quella di ieri, che ha visto una duplice presentazione, al mattino alle 9.30 e alle 18, ambedue le volte a Palazzo Manes. Presente anche il sindaco, Luigi Mascio, e il Presidente Provinciale della Figc, Raffaele Sorgente. Insieme a loro l’entourage del Perugia Calcio, rappresentato da Mauro Lucarini (Direttore Generale), Luca Lamanna (preparatore atletico), Paolo Damiani (Responsabile Tecnico Academy) e Mauro Cecchetti (tecnico). La società biancorossa è stata la prima ad accettare tra le squadre del panorama professionistico che hanno risposto all’invito formulato dal Portocannone 1993, che cercava un partner di grido con cui affiliarsi.

“Portocannone è una piccola realtà calcistica dilettantistica – aggiunge Costantino Di Pietrantonio – ed essere riusciti ad affiliarci ad una società professionistica dalla storia gloriosa come il Perugia, ci rende allo stesso tempo felici e orgogliosi del lavoro che stiamo svolgendo”. A chiudere le parole del Direttore Generale Lucarini: “Il Molise è una terra che ha fame di calcio. È un territorio che ha tutte le possibilità e i mezzi per fare calcio attraverso progetti di lungo periodo, senza fretta e investendo molto nella formazione dei giovani atleti. Mi auguro che Portocannone faccia da traino per tutta la Regione. Noi, come Perugia Calcio, siamo a disposizione di chiunque abbia voglia di investire in progetti volti all’essenza del calcio: aggregazione, socialità, rispetto e sano agonismo sportivo”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*