Taxi e trasporto pubblico non di linea, di nuovo in piazza, anche a Perugia 📸 🔴Foto video

In piazza con loro anche Luca Merli, assessore, e il consigliere regionale, capogruppo, Stefano Pastorelli. Entrambi Lega

 
Chiama o scrivi in redazione


Taxi e trasporto pubblico non di linea, di nuovo in piazza, anche a Perugia 📸 🔴Foto video

Chiedono sostegno, chiedono sicurezza per il lavoro e per il futuro. Sono i titolari delle licenze dei taxi e del trasporto pubblico, non di linea, che questa mattina in tutta Italia e anche a Perugia, hanno organizzato un sit in di protesta contro l’inadeguatezza delle misure di sostegno. Ristori, che sono stati messi in campo e che non sono sufficienti. Anche a Perugia, come in tutte le cittĂ  italiane, il presidio si è svolto attorno al palazzo della Prefettura in piazza Italia. A fianco a loro, stamani, anche il capogruppo della Lega in consiglio regionale, Stefano Pastorelli e l’assessore del comune di Perugia, Luca Merli che abbiamo intervistato con le nostre telecamere e in nostri microfoni.



Cosa chiedono, le 11 sigle di categoria
ACAI TAXI – CNA TAXI – CONFARTIGIANATO TAXI – FAST-CONFSAL – LEGACOOP – SNA CASARTIGIANI – SILT – TRAS – UNICA TAXI CGIL – URI – URITAXI

  1. sostegno economico specifico alle imprese del settore trasporto pubblico non di linea, di importo adeguato così come attuato per altri Istituzione di un fondo di 800 mln di euro per l’anno 2021 per il sostegno dell’intero settore trasporto persone in servizio pubblico non di linea.
  2. Sospensione e proroga di mutui, leasing e finanziamenti.
  3. Anno bianco fiscale e contributivo per gli anni 2021 e 2022.
    • IRPEF, pagamento solo dei saldi di giugno esclusi gli acconti di novembre;
    • INPS, contributi figurativi per l’intero importo, valido anche ai fini del calcolo della pensione
    • Irap, esenzione dell’imposta in ragione del venir meno della condizione di “stabile organizzazione di impresa” in quanto i centralini hanno di fatto azzerato la loro funzione.
    • Esenzione del premio. SinistrositĂ  azzerata in ragione della riduzione quasi totale delle percorrenze chilometriche.
  4. Semplificazione procedure da parte dei Comuni per l’utilizzo voucher taxi, (art. 34 D.L. 41/2021, ampliamento dell’utilizzo a favore di personale sanitario e popolazione da vaccinare.
  5. Ecobonus per l’acquisto di autovetture elettriche (sul modello 110% concesso per le ristrutturazioni Modernizzazione del servizio, aumento della sicurezza, riduzione delle emissioni in atmosfera. Iva 4% sui veicoli TAXI attrezzati trasporto disabili, con qualsiasi alimentazione.
  6. Reintroduzione della detassazione delle accise sui carburanti.
Il Trasporto Pubblico non di linea Taxi, è sottoposto ad un eccesso di offerta, importante e protratta nel tempo, dovuta alla rarefazione della domanda, a causa dei DPCM e provvedimenti per il contenimento della pandemia. Questo stato comporta una minaccia per l’equilibrio finanziario e la sopravvivenza di un importante numero di imprese nell’intero territorio nazionale.

Sono indispensabili PROVVEDIMENTI DI SOSTEGNO ECONOMICO, CERTI,

IMMEDIATI, DI MISURA ADEGUATA, così come fatto per altri settori, affinché possa essere garantito il servizio di trasporto pubblico non di linea svolto con autovetture Taxi.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*