Perugia recupera Gyombér e perde Fernandes, a Cremona per riagganciare il secondo posto

Testa-coda Grifo affronta Leone San Marco, Oddo: "Bisogna vincere" 

Perugia recupera Gyombér e perde Fernandes, a Cremona per riagganciare il secondo posto

di Clero Bertoldi
PERUGIA – “Non abbiamo vinto, ma dobbiamo guardare avanti. Se restiamo uniti possiamo raggiungere traguardi importanti”. Alla cena degli auguri di Natale, organizzata dal Centro di Coordinamento dei Perugia Club, la frase del presidente Massimiliano Santopadre é stata accolta dall’applauso convinto di oltre 450 tifosi, in vista della trasferta di Cremona, che può essere il mento del riscatto.
Ora la parola passa ai giocatori che dovranno, in concreto, dimostrare di quale pasta sia fatti: se per puntare alla vittoria o galleggiare a metà classifica.
A Cremona, poi in casa con l’Entella, infine con il Trapani. Duecentodieci minuti per “leggere” un po’ meglio il futuro della squadra umbra.
Massimo Oddo appare fiducioso: “Vogliamo fare 12 punti. Il mio giudizio sul cammino fatto é sostanzialmente positivo. La squadra è stata costruita ex nuovo ed é logico che ci voglia un po’ di tempo per una carburazione corretta. Io vedo i miei in costante crescita e sono convinto che faremo bene”.
Certo i problemi non sono mancati (l’infortunio di lungo corso di Angella e la frattura al piede di Kouan) ed altri se ne sono aggiunti (le condizioni di Gyombér comunque partito e pronto a giocare e l’infortunio dell’ultimo momento di Fernandes in allenamento).
Tuttavia una squadra ambiziosa deve essere in grado di ovviare al meglio alle problematiche che, via via, sorgono lungo il cammino. E, soprattutto, ha l’obbligo di mostrare, in campo, di possedere non solo le qualità tecniche ma anche umane, come la voglia di battersi, sino all’ultimo, per la vittoria. Aspetto, quest’ultimo, che talvolta é venuto meno. Forse, come ha argomentato l’allenatore, per “immaturità”.
“Abbiamo brave persone e giocatori davvero forti – ha affermato il Dt Roberto Goretti – quindi… Questa squadra può giocare bene e vincere. Dipenderà da come si comporterà nelle prossime settimane.”
A parte l’Entella (che ha un punto in meno dei grifoni e che gli umbri affronteranno al Curi), la Cremonese é quint’ultima ed il Trapani penultimo. Sulla carta, solo sulla carta, dovrebbe trattarsi di partite abbordabili, se affrontate con il giusto spirito. In altre occasioni, però, il Perugia ha purtroppo incontrato problemi proprio contro avversari che all’apparenza non avrebbero dovuto rappresentare un pericolo, un ostacolo.
Oddo, comunque, sembra aver trovato la formula giusta sul piano tattico: é tornato alla difesa a quattro, al centrocampo a tre e ad un attacco a cuneo.
I punti di forza – lo dicono i numeri – sono Vicario in porta e Iemmello in attacco (12 reti in 15 gare). Ai fianchi di quest’ultimo in Lombardia dovrebbero muoversi Buonaiuto e Capone. Nella linea mediana oltre a Carraro, che ha preso in mano la bacchetta di comando del centrocampo anche per le sue qualità di protezione della difesa, dovrebbero muoversi Nicolussi Caviglia, sempre più perentorio e Balic (da cui ci attende una esplosione positiva).
Nel pacchetto arretrato i sicuri sono Rosi a a destra e Sgarbi centrale a sinistra.  L’altro centrale sarà Gyombér, mentre a sinistra il ballottaggio riguarda Di Chiara ed il giovane Nzita.

“Con il sistema di gioco degli ultimi turni – argomenta Oddo – dovremo essere in grado di portare più spesso i centrocampisti in area. Sono convinto che cominceranno a segnare anche loro”.

Se il Perugia conquisterà i tre punti il Perugia riaggancerebbe il secondo posto a fianco del Frosinone di Nesta, in grande spolvero.
“Noi guardiamo in casa nostra. servirà una partita ragionata. Noi, per indole, siamo aggressivi, ma dovremo essere pronti a cambiare e ad adattarsi a qualcosa di diverso. Ci saranno momenti in cui saremo chiamati a palleggiare, altri in cui dovremo scagliare la palla in tribuna, altri ancora in cui dovremo essere lesti a ripartire in contropiede… ”

I tifosi, che non faranno mancare il loro appoggio neppure in questa trasferta, si attendono, inutile dirlo, che i grifoni facciano i corsari e sbanchino Cremona.
Probabile formazione
PERUGIA (4-3-2-1): Vicario; Rosi, Gyombér, Sgarbi, Di hiara (Nzita); Nicolussi Caviglia, Carraro, Balic; Capone, Buonaiuto; Iemmello. All.: Oddo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*