Amanda Knox in Italia, il giudice Pratillo Hellmann, evitato errore

Amanda Knox a Perugia, il giudice Pratillo Hellmann, evitato errore
Amanda Knox a Perugia, il giudice Pratillo Hellmann, evitato errore

Amanda Knox in Italia, il giudice Pratillo Hellmann, evitato errore

“Torna in Italia da libera cittadina come tanti altri. Sensazioni particolari? Nessuna”: Claudio Pratillo Hellmann, il presidente della Corte d’assise d’appello di Perugia, che l’assolse risponde così sull’Agenzia di stampa associata sull’arrivo di Amanda Knox a Milano. Il magistrato è in pensione da più di sette anni. “E’ una notizia che mi lascia indifferente – afferma Pratillo -, d’altronde sono passati tanti anni. Forse Amanda Knox vuole superare così un trauma psicologico o forse ha fini commerciali… non lo so“.

L’americana sarà protagonista di un incontro a Modena sul tema del processo mediatico. “Per me quel processo ha rappresentato una grande soddisfazione umana” ha rivendicato Pratillo parlando dell’assoluzione della giovane. “Quella sentenza – ha aggiunto – ha contribuito a evitare un grande errore giudiziario. Ancora più grave visto che gli imputati erano molto giovani”.



Amanda Knox è appena atterrata all’aeroporto milanese di Linate, per la sua prima visita in Italia da quando è stata scarcerata a ottobre 2011 dopo essere stata assolta dalla Corte d’assise d’appello di Perugia dall’accusa di avere partecipato all’omicidio della studentessa inglese Meredith Kercher. Capelli raccolti, zainetto sulle spalle, giacca chiara e maglietta nera, è uscita, scortata dalla polizia, dall’area partenze. Non ha risposto ad alcuna domanda dei cronisti. Con lei il fidanzato e la mamma.

Amanda, atterrata con un volo della AerLingus, era accompagnata all’uscita anche da Martina Cagossi dell’Italy Innocence Project, che sarà con lei al festival della giustizia Penale di Modena. Salita in macchina, ha abbracciato il fidanzato Cristopher Robinson.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*