Variante indiana in Umbria, non condizioni preoccupanti

 
Chiama o scrivi in redazione


Variante Delta covid mette paura, Pfizer meno efficace anche dopo due dosi

Variante indiana in Umbria, non condizioni preoccupanti

Non ci sono “condizioni preoccupanti” dopo la scoperta in Umbria, nei giorni scorsi, di cinque casi di variante indiana del virus Sars-Cov-2. E’ quanto ha detto il commissario regionale per l’emergenza Covid, Massimo D’Angelo, durante la conferenza stampa settimanale sull’andamento della pandemia. “Questo ci lascia ben sperare – ha aggiunto -, ma risulta necessario approfondire l’argomento con il Cts, per assicurare quanto più possibile i sequenziamenti e circoscrivere il fenomeno. Per valutare l’appropriatezza del nostro sistema di sorveglianza – ha aggiunto – e contact tracing, che è comunque in linea con gli orientamenti nazionali. Risulta fondamentale un approfondimento tecnico-scientifico sulle metodiche di sequenziamento, oltre che sulla modalità di sorveglianza, e il Cts potrà garantire un percorso idoneo”. D’Angelo ha quindi annunciato, per lunedì, un incontro con lo stesso Cts.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*