PERUGIA, INIZIATIVA DEDICATA ALLA VITA, CONCERTO PER UN BAMBINO CHE NASCERA’ 3D

Cambri e Romizi
Cambri e Romizi
Cambri e Romizi

(umbriajournal.com) PERUGIA – Sabato 16 novembre alle ore 17, in occasione della Giornata Internazionale dei Diritti dell’Infanzia, si terrà nella città di Perugia (all’interno della prestigiosa Sala dei Notari) un evento veramente unico: un concerto pianistico dedicato ai bambini che nasceranno e che potranno ascoltare la musica a loro dedicata comodamente adagiati all’interno del grembo materno.

Il protagonista dell’iniziativa, promossa dall’Assessorato alle Politiche per l’Infanzia e l’Adolescenza del Comune di Perugia (sotto il patrocinio di Nati per la Musica, dell’Associazione Culturale Pediatri Umbri e del Comitato Provinciale di Perugia dell’Unicef), sarà proprio il bambino che nascerà, con le future mamme che potranno assistere, insieme ad altri fortunati spettatori, ad un evento eccezionale: un’ecografia in diretta, condotta dal dr. Giuseppe Zaccardo (Ospedale Santa Maria della Stella di Orvieto) ad alcune volontarie prescelte e posizionate in modo tale da garantirne la doverosa privacy.

L’ecografia, eseguita con un sofisticato macchinario in tre dimensioni, sarà proiettata su un grande schermo, posto a fianco di un elegante pianoforte a coda, così che mentre il bambino ascolterà la musica eseguita dal vivo, le mamme, osservandolo, saranno coinvolte pienamente grazie all’effetto specchio che tale visione susciterà. L’ecografia, eseguita in un contesto diverso da quello dell’ambulatorio medico, è una novità assoluta che potrà destare interesse e curiosità, al di là del valore scientifico garantito dagli esperti medici coinvolti. Introdurranno il bel pomeriggio l’assessore alle Politiche per l’Infanzia e l’Adolescenza del Comune di Perugia, dott.ssa Monia Ferranti, e il noto pediatra dott. Corrado Rossetti.

Spettatrici privilegiate del pomeriggio, dunque, saranno alcune gestanti in fase avanzata di gravidanza, che, sedute in prima fila (con alle spalle un pubblico composto prevalentemente da famiglie) ascolteranno le note di una strana coppia di pianisti: un celeberrimo concertista, il Maestro Riccardo Cambri (fra l’altro, legato alla città di Perugia per essere stato, vari anni or sono, uno dei più brillanti studenti del Conservatorio “Morlacchi”, diretto all’epoca dal M° Giuliano Silveri, sotto la cui bacchetta si esibì come solista proprio alla Sala dei Notari, quale miglior diplomato dell’anno 1994) ed un pediatra perugino, il dottor Alberto Romizi; i due artisti si alterneranno al pianoforte in una serie di motivi legati al mondo degli affetti e dei sentimenti materni: le composizioni si snoderanno in un percorso tematico ideale sottilmente ideato, commentato variamente da proiezioni multimediali, da un cortometraggio (creato per l’occasione dal regista Francesco Rellini) e da suggestive coreografie ideate da Antonella Campanari.

La scelta della coppia Cambri-Romizi non è casuale: vuole infatti essere il simbolo dell’alleanza tra pediatri e musicisti, colonne portanti del progetto nazionale Nati per la Musica, lanciato, in anteprima regionale, ad Orvieto esattamente un anno fa. Nati per la Musica si ripropone di raggiungere le famiglie (attraverso i pediatri) e i bambini (attraverso qualificati educatori musicali), al fine di creare nei primi anni di vita – momento cruciale e insostituibile per l’apprendimento – un clima stimolante da un punto di vista musicale, che possa in modo del tutto naturale facilitare l’acquisizione del linguaggio dei suoni, così come avviene per quello verbale che il bambino padroneggia già all’età di cinque anni.

Il progetto si basa su numerosi e rigorosi studi, effettuati con l’ausilio di ecografo 3D e risonanza magnetica funzionale, uno strumento che permette di vedere le aree cerebrali attivate durante l’ascolto. Studi scientifici di assoluta serietà dimostrano che dal sesto mese di vita intrauterina il bambino ascolta la musica, dimostrando di gradire quella classica o classicheggiante (che poi sarà proposta nel concerto), e che dopo la nascita è in grado di riconoscere la musica già ascoltata nel grembo materno. Inoltre, è conclamato che il neonato è in grado di riconoscere la musica distorta, ottenuta alterando opportunamente la musica originale con alterazioni di mezzo tono rispetto alla scrittura originale.

All’interno dell’evento interverrà anche la psicologa Mirella Cleri (Asl 4), che declamerà per le future mamme alcune frasi d’amore per esistere, ossia quei pensieri affettuosi e positivi che hanno la facoltà di rafforzare il tenero ma allo stesso tempo saldo legame tra ogni mamma e il proprio bambino, e la musicoterapeuta Elisabetta Ciancaleoni, che coinvolgerà direttamente le giovani mamme in una esperienza musicale collettiva.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*