Ospedale di Terni, tre nuovi ambulatori per pazienti a rischio cardiovascolare

 
Chiama o scrivi in redazione


Ospedale di Terni, tre nuovi ambulatori per pazienti a rischio cardiovascolare

di Martina Rastelli
Ospedale di Terni, tre nuovi ambulatori per pazienti a rischio cardiovascolare.
Nell’ospedale di Terni, la struttura di Medicina Interna, diretta dal professor Gaetano Vaudo, apre tre nuovi ambulatori per pazienti a rischio cardiovascolare da lunedì 4 marzo.

I tre ambulatori sono: uno per la diagnosi e il trattamento delle cosiddette dislipidemie, come l’aumento di colesterolo e trigliceridi nel sangue, che si attiverà venerdi; uno per la diagnostica strumentale vascolare che si attiverà lunedì, e un altro dedicato alle visite per l’osteoporosi, attivo da giovedi.

A queste nuove attività si può accedere tramite prenotazione CUP con richiesta del proprio medico di medicina generale.

Il prof Vaudo spiega “l’obiettivo è quello di ampliare le conoscenze dei medici di medicina generale nella gestione delle condizioni cliniche più complesse dei pazienti a rischio cardiovascolare elevato. Le malattie ad alto rischio cardiovascolare sono per esempio le malattie del ricambio lipidico, l’ipertensione arteriosa e l’arteriosclerosi pre-clinica. L’obiettivo è ridurre l’incidenza di patologie cardiovascolari, quali infarto del miocardio ed ictus ischemico che costituiscono ancora la prima causa di morte, e di affrontare la malattia osteoporotica con tutte le sue invalidanti complicanze nella maniera più idonea e aggiornata”.

LEGGI ANCHE: Ospedale Terni riaprono Neuroriabilitazione intensiva e Week hospital cardiologico

Il dottor Giacomo Pucci, responsabile del Centro Ipertensione Arteriosa dell’Azienda Ospedaliera di Terni e coordinatore regionale della Società Italiana dell’Ipertensione Arteriosa (SIIA) aggiunge“la collaborazione tra medicina specialistica e territoriale è sempre più efficace, e a confermarlo sono i dati di attività che registra annualmente il nostro centro:  quasi 1000 prestazioni tra visite specialistiche, ECG, monitoraggio pressorio 24 ore ed ecografia cardiaca, senza considerare tutta l’attività intraospedaliera di consulenza per il Pronto Soccorso e altri reparti”.

Sabato 2 marzo presso l’hotel Terra Umbra a Narni si terrà il Congresso delle Sezioni Regionali della SIIA e della SISA (Società Italiana per lo Studio dell’Aterosclerosi) in cui verranno presentate le nuove attività ambulatoriali.

Il congresso rappresenterà l’occasione per discutere sul ruolo della prevenzione primaria a livello di popolazione, sull’impatto di fattori di rischio emergenti e sull’efficacia di nuove strategie ed obiettivi terapeutici, anche alla luce delle recenti linee-guida.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*