Medici Intersindacale, inchiesta sanità, non di tutta un’erba un fascio

Medici intersindacale, inchiesta sanità, non di tutta un’erba un fascio

Medici Intersindacale, inchiesta sanità, non di tutta un’erba un fascio

L’Intersindacale Medica dell’Umbria che riunisce tutte le sigle della Dirigenza Medica e Sanitaria, preso atto di quanto sta accadendo per le note vicende sulla sanità regionale e nello specifico dell’Az. Ospedaliera di Perugia, pur non entrando nel merito dei contenuti che appartengono ad altre Istituzioni, vuole sottolineare che non è possibile assimilare TUTTI i Professionisti della Sanità dell’Az. Ospedaliera di Perugia e di tutte le Aziende Sanitarie dell’Umbria a vicende strettamente individuali e personali che rischiano di danneggiare  gli operatori.

Da sempre Tutti i Professionisti dell’Azienda Ospedaliere di Perugia e di tutte le Aziende Sanitarie della Regione hanno svolto con dedizione, professionalità e qualità la propria funzione in tutti i ruoli garantendo per i Cittadini e i Pazienti una Sanità di alto livello come ampiamente riconosciuto da tutte le Istituzioni della Sanità Pubblica Nazionale.

Anche in Umbria, come sta accadendo in tutta Italia, tale qualità è garantita nonostante le difficili condizioni di lavoro per le note carenze di Personale e il suo progressivo invecchiamento che determinano un impegno oltre le forze da parte di tutti i Professionisti anche per effetto del blocco del turn-over riferito all’anno 2004 fino ad oggi.

Queste sigle hanno sempre criticato in tutte le sedi il continuo e progressivo sotto finanziamento del Sistema Sanitario Nazionale,chiedendo anche in assessorato e consiglio regionale, tramite l’ apposita commissione sanità,  di intervenire su alcune criticità ancora non risolte quali la definizione del fabbisogno del personale e i percorsi di stabilizzazione dei precari, la non chiarezza nella determinazione dei fondi aziendali per il finanziamento degli incarichi dirigenziali, l’applicazione non omogenea del D.M. 70 per la revisione delle strutture complesse e semplici, la rete dei laboratori e un percorso più veloce e costruttivo per la stesura del nuovo Piano Sanitario Regionale al quale abbiamo dato un nostro contributo tecnico, e purtroppo non molto ascoltati. In questo contesto non accettiamo accuse indiscriminate e qualunquistiche a chi non ha mai partecipato (come in alcune testate giornalistiche  è stato scritto) a spartizioni  o connivenze con sistemi non leciti.

Se poi la magistratura accerterà responsabilità di qualche singolo, ne risponderà personalmente.

Non possiamo accettare che dopo aver cercato di mantenere un livello assistenziale su questi standard, definanziato, aver criticato alcuni provvedimenti, ora subiamo accuse di connivenza con situazioni non lecite, delle quali siamo parte lesa.

Le vicende che stiamo vivendo in questi giorni nella nostra Regione, potrebbero intaccare l’immagine della Sanità Pubblica e portare a stigmatizzare il ruolo essenziale e costituzionalmente garantito del Servizio Pubblico al quale i Cittadini devono invece fare riferimento con assoluta fiducia.

19.04.2019

 

Il Coordinatore dell’Intersindacale medica dell’Umbria

Dott. Giovanni Lo Vaglio

Rassegna stampa

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*