Covid 19, 40 milioni i contagi nel Mondo, più di 1 milione e 100 mila vittime

l’India il Paese che a livello globale ha registrato il numero maggiore

 
Chiama o scrivi in redazione


Covid 19, 40 milioni i contagi nel Mondo, più di 1 milione e 100 mila vittime

Covid 19, 40 milioni i contagi nel Mondo, più di 1 milione e 100 mila vittime

Viaggiano ormai verso quota 40 milioni i contagi da coronavirus nel mondo. E’ quanto registra la Johns Hopkins University che segnala oltre 39 milioni e 700 mila casi, con gli Stati Uniti sempre in testa (oltre otto milioni), seguiti da India e Brasile. La Spagna è il Paese dell’ Ue più colpito, al settimo posto con oltre 936 mila casi. Superate nel mondo il milione e 100 mila vittime.

Mentre a livello globale si registrano oltre 39 milioni e 320mila contagi di Covid-19, è ancora l’India il Paese che a livello globale ha registrato il numero maggiore di nuovi casi di coronavirus in 24 ore (63.371). E mentre gli Usa rimangono la prima nazione per contagi e vittime, continua a salire la preoccupazione in Europa: la Francia è al terzo posto nel mondo per nuovi casi giornalieri, ma la situazione peggiora anche nel Regno Unito, in Spagna, in Italia e in Repubblica ceca. È quanto emerge dai dati dell’Oms aggiornati al 16 ottobre


I dati sono raccolti da varie fonti — Organizzazione mondiale della Sanità (Oms), Usa Centers for Disease Control and Prevention, Ecdc China, Nhc e altri — e uniti a quelli di DXY, un sito web cinese che aggrega i rapporti sulla situazione di istituzioni locali, fornendo le stime dei casi regionali più importanti (decessi confermati, sospetti, …). I casi degli Stati Uniti (confermati, sospetti, decessi) sono presi dal Cdc americano; quelli degli altri Paesi dai dipartimenti sanitari regionali. La dashboard vuole fornire al pubblico un aggiornamento sulla situazione dell’epidemia mentre si sviluppa, con dati acquisiti da fonti trasparenti.

Chiamato provvisoriamente 2019-nCoV, ai primi di febbraio il virus ha cambiato nome: l’International Committee on Taxonomy of Viruses (ICTV) ha classificato il nuovo coronavirus come Sars-CoV-2, nome che lo European Centre for Disease Prevention and Contro (ECDC) utilizza anche sul suo sito. È stato individuato anche il nome per la malattia che deriva dall’infezione da Sars-CoV-2: il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha annunciato l’11 febbraio che è stata denominata ufficialmente COVID-19: si tratta dell’acronimo di Co (corona); Vi (virus); D («disease», malattia) e 19 (l’anno di identificazione del virus).

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*