Presentazione del libro “Ricomincio da 65” di Don Antonio Santantoni Menichelli

copertina ricomincio da 65(umbriajournal.com) PERUGIA – «Avevo 65 anni quando mi misero un fegato nuovo. Ora ne ho 73. Da otto anni mi sto giocando i tempi supplementari che il buon Dio e la scienza degli uomini m’hanno accordato. Ero finito: è ricominciata la vita. Durerà quello che durerà. Ora mi sento l’uomo che è vissuto due volte. Allora ho detto: “Ricomincio da 65”». Lo scrive don Antonio Santantoni Menichelli nel suo ultimo libro pubblicato dalla Casa Editrice La Rocca (Marsciano 2012, pp. 250, euro 16) dal titolo, appunto, “Ricomincio da 65”. Si tratta di un’autobiografia degli anni della «grande paura» fino a «quel giorno quando rividi il sole» e, quindi, non la paura «di morire sotto i ferri. Quella non c’era mai stata – scrive l’autore –. Morire non sarebbe stata una tragedia. La mia non è una vita preziosa…», ma «la paura di perdere il buon uso della mia mente. La paura di non poter fare più scuola, scrivere, dire cose che avessero un ordine e un senso…».

Don Antonio Santantoni Menichelli è teologo, già professore all’Istituto Teologico di Assisi (ITA), per molti anni docente incaricato presso diverse Università e Facoltà teologiche romane (Lateranense, Urbaniana, Marianum…) ed autore di apprezzate opere di teologia dei sacramenti e di libri di diversa natura. Ha preso parte ai lavori del Concilio Ecumenico Vaticano II in qualità di addetto di Segreteria. Esperienza che – sono parole sue – «gli ha cambiato la mente e la vita». E’ stato ordinato sacerdote nel 1964 e dal 1969 è parroco di Casalina di Deruta, nell’Archidiocesi di Perugia-Città della Pieve. Proprio l’Archidiocesi ha promosso la presentazione dell’ultimo libro di questo suo figlio nel sacerdozio, che si terrà nel capoluogo umbro, giovedì 30 maggio, alle ore 17, presso la Sala del Dottorato delle Logge della cattedrale di San Lorenzo, alla quale sarà presente l’autore. Interverranno: l’arcivescovo mons. Gualtiero Bassetti, il dott. Roberto Grandis, psicologo e giornalista, suor Roberta Vinerba, teologa, catechista e scrittrice, e padre Giacomo Paris, Ofm Cap., che porterà la sua testimonianza.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*