Monastero Santa Cecilia Città di Castello, due nuove suore

Monastero Santa Cecilia Città di Castello, due nuove suore

Al monastero di Santa Cecilia di Città di Castello, in centro storico, proprio a due passi dal Teatro degli Illuminati, c’è spazio per nuovi arrivi. Tra questi, suor Mihaela e suor Maria Francesca.

La prima è arrivata in Alto Tevere dopo aver concluso i suoi 10 anni di studi e che ha ricevuto nella giornata di domenica 7 agosto i voti perpetui, diventando a tutti gli effetti una suora di clausura, la seconda, invece, dopo qualche mese dai suoi voti temporanei.

Suor Mihaela arriva in Italia dopo, perché nata in Romania. I suoi studi iniziano presso la chiesa del monastero di Santa Maria degli Angeli a Roman, il suo Paese  natale. Dopo i 10 anni di formazione, suor Mihaela ha trovato i voti perpetui a Città di Castello, accolta dalle altre 12 sorelle.

La giornata di domenica 7 agosto, infatti, è stata importante per la comunità tifernate e per il monastero di Santa Cecilia. Ad officiare la funzione il vescovo della diocesi di Città di Castello, monsignor Luciano Paolucci Bedini, il quale – come riporta il Corriere dell’Umbria – ha spiegato che “questo è un punto di partenza, e non di arrivo”, in riferimento alla storia e la volontà di suor Mihaela.

Quest’ultima, per descrivere al meglio l’esperienza e il significato di questa, ha donato a tutte le suore e i presenti una piccola frase, in riferimento al salmo 89, con su scritto: “È un amore edificato per sempre: nel cielo rendi stabile la tua fedeltà”.

A contribuire, poi, alla giornata di festa, anche l’assegnazione dei voti temporanei per suor Francesca, la giovanissima suora che viene da Cesena.

Due suore che, dalla giornata di domenica, contribuiranno a costruire la comunità del monastero di Santa Cecilia di Città di Castello.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*