UIL FPL UMBRIA “BENE ACCORDO SU VALORIZZAZIONE COMPETENZE INFERMIERE”

Uil Fpl Umbria sull'accordo di valorizzazione delle competenze degli infermieri
Uil Fpl Umbria sull'accordo di valorizzazione delle competenze degli infermieri
Uil Fpl Umbria sull’accordo di valorizzazione delle competenze degli infermieri

(umbriajournal.com) by Avi News PERUGIA – “Accogliamo con favore il testo di accordo sulla valorizzazione delle competenze dell’infermiere già approvato in Commissione sanità. Ora attendiamo solo il via libera definitivo della Conferenza Stato Regioni”. Ad esprimere soddisfazione per la firma apposta dal ministro della Salute Beatrice Lorenzin alla bozza di accordo è Marco Cotone, segretario regionale di Uil Fpl Umbria. “Per garantire ai cittadini servizi e prestazioni appropriate e di qualità – prosegue – si deve puntare sulla crescita, l’integrazione delle competenze e la valorizzazione di tutti i professionisti della salute e migliorare i percorsi di assistenza e cura dei pazienti. L’accordo accompagnato da analoghi provvedimenti sulle altre professioni sanitarie, può dare corso a una reale e concreta riorganizzazione del Sistema sanitario nazionale (Ssn) in favore dei cittadini, in particolare in relazione alle richieste di salute della popolazione così profondamente mutate negli ultimi decenni”.

“La popolazione italiana – aggiunge Cotone –, con un trend superiore a tutti gli altri paesi europei, è progressivamente più vecchia e la speranza di vita nei prossimi 40 anni aumenterà ancora. Cronicità, disabilità, pluripatologie, fragilità sociali e nuove tecnologie impongono un cambiamento nelle risposte ai bisogni dei cittadini, per questo bisogna preoccuparsi del riconoscimento professionale degli infermieri così come dobbiamo integrare gli organici carenti di migliaia di unità. Tutte le professioni sanitarie dovranno rapportarsi con un quadro demografico profondamente mutato, le richieste di salute che ne derivano e l’attuale realtà socio economica del paese”.

“Bisogna inoltre precisare – continua il segretario di Uil Fpl Umbria – che il testo di accordo sulla valorizzazione della professione infermieristica analizza e traduce in pratica il contenuto del profilo professionale dell’infermiere e propone di dare, finalmente, completa attuazione a una normativa rimasta incomprensibilmente inapplicata da anni. Il Ssn italiano deve finalmente porre al centro del sistema il cittadino, in un progetto avanzato di ‘presa in carico’ dei pazienti demandato non a singole figure, ma a un insieme coordinato e integrato di professionisti”.

“La difesa del nostro sistema sanitario – conclude Cotone – dipende anche e sopratutto da questo. Ecco perché continuiamo a sollecitare uno scatto in avanti da parte delle istituzioni centrali e periferiche: per rimettere mano alla rete dei servizi alla salute con più assistenza domiciliare, più prevenzione, più investimento nella formazione del personale, a tutto vantaggio dei cittadini e delle comunità”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*