PERUGIA, SEL, IMMIGRAZIONE E RABBIA SOCIALE

“Perugia ha una delle percentuali più alte d’Italia di studenti nati in Italia figli di stranieri. Tra pochi anni questi ragazzi prenderanno coscienza di avere meno diritti e opportunità rispetto ai loro coetanei: ci sono tutte le condizioni per far esplodere la rabbia sociale come nelle banlieue parigine o nelle periferie di Stoccolma e Londra”. A sostenerlo sono Monia Ferranti e Francesco Francescaglia, candidati con ‘Sinistra ecologia libertà’ alle comunali di Perugia. “Dopo 20 anni di idiozie razziste, le politiche repressive hanno ormai dimostrato di essere fallimentari: integrazione, coesione e intercultura sono le parole chiave per le politiche dell’immigrazione. In campagna elettorale parlano d’immigrazione solo gli xenofobi o quelli che si dilettano a rilanciare le proposte della destra, come sui Cie – affermano –. Serve un po’ più di coraggio. I grillini, per esempio, non dicono una parola sull’argomento: calcolo elettorale? Argomento troppo rischioso? Bisogna avere una visione del futuro per prevenire problemi e ingiustizie – concludono Ferranti e Francescaglia – se volete più sicurezza chiedete più integrazione, non più Cie. In attesa del riconoscimento dello jus soli e del diritto di voto per gli immigrati proponiamo il voto agli stranieri per i referendum consultivi comunali e l’elezione diretta della Consulta comunale per gli stranieri.”

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*