Perugia, nel caos della mobilità perugina arriva il Metrotram

metrotramPERUGIA – La vera e propria campagna elettorale non è ancora cominciata ma continuano gli spot elettorali delle nostre amministrazioni o delle partecipate pubbliche. Dopo il progetto della seconda tratta del Minimetrò, i ripetuti annunci dell’arrivo di Eataly e l’annuncio del nuovo progetto sul Mercato coperto, ecco arrivare il metrotram che, secondo gli uffici della Regione Umbria, dovrebbe collegare Ellera di Corciano con Perugia e in futuro Perugia a Marsciano.

Un annuncio sorprendente perché non è mai stato preceduto da valutazioni o analisi del trasporto pubblico locale e men che meno dalla revisione del discusso Piano urbano della mobilità (PUM) approvato dalla giunta Locchi-Boccali. L’attuale Sindaco Boccali aveva promesso di rivedere il criticato PUM ma non ne ha mai avviato l’aggiornamento ed ha accantonato questa come altre promesse elettorali. Il metrotram è un mezzo di trasporto flessibile che potrebbe essere utile a Perugia soprattutto per collegare le stazioni di S.Anna e di Fontivegge, come da anni propongono Alessio Trecchiodi e Luigi Fressoia, ma va inserito nelle previsioni di aggiornamento del Piano urbano della mobilità come sta facendo la città dell’Aquila.

Infine, il sostanziale fallimento del primo tratto del Minimetrò per gli alti costi, il ridotto numero degli utenti, la mancata riduzione del traffico e dell’inquinamento, impone di abbandonare il progetto della nuova linea Pincetto-Monteluce-Monterone perché costosa, impattante e utile solo a vendere gli appartamenti della cementificata Nuova Monteluce.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*