Perugia, elezioni, Omphalos chiede ai candidati impegno a favore di politiche inclusive

omophobiaPERUGIA – In occasioni delle elezioni amministrative per il Comune di Perugia, Omphalos Arcigay Arcilesbica di Perugia, associazione che da oltre vent’anni si occupa di rivendicare e tutelare i diritti delle persone e delle coppie LGBT (lesbiche, gay, bisessuali e transessuali), chiede a tutti i candidati il loro impegno a favore di politiche inclusive per riconoscere pari diritti e dignità alle persone e alle coppie LGBT.

Perugia contro l’omofobia e la transfobia. Vogliamo che Perugia sostenga con azioni concrete la lotta all’omofobia e alla transfobia, anche supportando l’approvazione di un’apposita legge in Regione e in Parlamento. Vogliamo che partecipi e sostenga attivamente la rete Ready – Rete Nazionale delle Pubbliche Amministrazioni contro le discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere.

Perugia per tutte le famiglie. Perugia è già tra le realtà virtuose che hanno approvato il Registro delle Coppie di fatto. Ora è necessario rafforzare e incrementare i servizi per tutte le forme familiari, a prescindere dal tipo di riconoscimento giuridico, come ad esempio l’assegnazione delle case popolari o il sostegno alle giovani coppie.

Perugia per una cultura inclusiva. È necessario dedicare più attenzione agli aspetti culturali del mondo LGBT incentivando, sviluppando e sostenendo progetti che si propongono di diffondere una cultura dell’inclusione e delle differenze. Perugia deve riconoscere e valorizzare le iniziative a tematica LGBT di aggregazione e visibilità, partendo dal progetto del Pride Village, organizzato ogni anno ai Giardini del Frontone.

Perugia: la salute è di tutti. Bisogna migliorare i servizi di assistenza e di prevenzione relativi alle malattie a trasmissione sessuale. Un particolare riguardo va riservato alle persone sieropositive all´HIV o affette da AIDS, per le quali vanno migliorate l´assistenza domiciliare e gli altri servizi sociali. Vanno abbattuti pregiudizi e discriminazione verso le persone sieropositive. Perugia deve sostenere e promuovere i servizi di ascolto e consulenza (counseling psicologico, medico, legale, per migranti LGBT, etc.) realizzati gratuitamente dalle associazioni.

Perugia: se conosci non discrimini. Sono necessarie specifiche campagne e iniziative di informazione e comunicazione tese a contrastare il pregiudizio omofobico e transfobico e le discriminazioni, soprattutto attraverso interventi nelle scuole e promozione di buone pratiche. In particolare per i consultori dei servizi sociali, ma anche negli uffici dell’amministrazione e nelle aziende municipalizzate bisogna promuovere l´adozione da parte dei dipendenti delle amministrazioni di linguaggi e comportamenti ispirati alla considerazione e rispetto per ogni orientamento sessuale e identità di genere.

Perugia si prende cura della propria comunità. La presenza di comunità LGBT nelle città italiane ha prodotto servizi sociali, psicologici, aggregativi e progetti culturali, sociosanitari e formativi. Per questo è importante fornire strumenti e risorse adeguate alle associazioni che svolgono un’opera importante di sussidiarietà, portando avanti con fatica un’azione dall’insostituibile valore sociale: dalla questione di una sede idonea, al supporto alle attività sociali, dal finanziamento dei progetti culturali alla formazione degli insegnanti ed egli operatori sociali.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*