Giulietti (PD): “Infondate le accuse contro Napolitano”

Morto Giorgio Napolitano, l'ex presidente della Repubblica aveva 98 anni

giorgio_napolitano_ante

Il 4 febbraio scorso l’on. Giampiero Giulietti è stato nominato membro della Giunta per le autorizzazioni e nel Comitato parlamentare per i procedimenti d’accusa e il primo compito di tale organo è stato quello di esaminare le due denunzie presentate da un deputato e da un senatore del Movimento Cinque Stelle per la messa in stato di accusa del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

Sulla questione si è svolto un ampio dibattito, nelle sedute del 5, 10 e 11 febbraio, dalle quali è emersa la manifesta infondatezza delle accuse formulate sull’operato del Presidente della Repubblica; è emerso inoltre che le accuse avanzate dai due esponenti del Movimento Cinque Stelle non sono neppure astrattamente idonee a configurare ipotesi di reato riconducibili nell’ambito dell’articolo 90 della Costituzione. La denuncia è stata quindi ritenuta manifestatamente infondata e pertanto il Comitato ha deliberato l’archiviazione del procedimento contro Giorgio Napolitano.

“Per me è stato un onore essere stato presente in qualità di membro del Comitato parlamentare per i procedimenti d’accusa – ha dichiarato l’on. Giulietti – Ho votato per l’archiviazione e, non solo ritengo corretto il comportamento del presidente della Repubblica, ma continuo a pensare che il ruolo di Giorgio Napolitano sia stato ancora una volta quello di tutelare le istituzioni democratiche, la loro dignità e quella di tutto il Paese”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*