Garante detenuti e uso terapeutico di cannabis, Lignani: “Le ragioni del no”

lignani“L’atto approvato dal Consiglio regionale sull’uso cosiddetto “terapeutico” della cannabis e la susseguente elezione del “garante” delle carceri sono state una manifestazione evidente di un ideologismo datato e distorto, che poco ha a che vedere con il merito delle contingenze consiliari”. Lo sostiene il consigliere regionale, Andrea Lignani Marchesani che spiega che “il “no” convinto di “Fratelli d’Italia” non è espressione di un presunto oscurantismo reazionario, ma è coerente con la propria storia e con un presente privo di certezze per le persone perbene. Il messaggio che passa – unitamente alla recente legge sull’uso delle terre agricole regionali – è evidente: si tutela di chi occupa terreni e proprietà private, chi è in carcere per scontare una pena e si fa permissivismo e relativismo morale nell’utilizzo delle droghe leggere”.

“Tutto ciò è sinceramente inaccettabile – continua Lignani Marchesani – e dispiace che il resto dell’opposizione abbia avallato questa deriva a sinistra, che serve anche a blindare tensioni interne alla maggioranza. Incomprensibile, poi, concedere al garante nominato, che ricordiamo svolgerà prerogative proprie dei Consiglieri regionali oltre che rappresentare un costo inutile, una maggioranza qualificata di consensi solo alla quarta votazione, quando ormai non serviva più. “Fratelli d’Italia” – conclude il consigliere regionale – rimane al fianco della legalità, delle persone perbene, del personale carcerario e combatterà con forza contro ogni forma di relativismo morale”.

 

1 Commento

  1. Ma se contate 0 in senato in parlamento ed in qualsiasi altra sede!!! siete due gatti fascisti bigotti e conservatori a favore della mafia,e non dalla parte delle persone “per bene” per fortuna sia voi(FdI e NCD ed il defunto FI) contate come l’ultimissima ruota del carro…e per fortuna andrete sempre più alla deriva…non vi vuole più nessuno. pussa viaa

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*