Dimissioni Catiuscia Marini, chi è la ex Presidente dell’Umbria

 
Chiama o scrivi in redazione


Umbria mobilità, tutti assolti, scelte razionali, fu vero salvataggio

Dimissioni Catiuscia Marini, chi è la ex Presidente dell’Umbria

Catiuscia Marini (Todi, 25 settembre 1967) è una politica italiana, presidente della Regione Umbria dal 2010 al 2019, e presidente del gruppo socialista al comitato delle regioni dal 2015. È stata sindaco di Todi dal 1997 al 2007 ed eurodeputato dal 2008 al 2009.

Biografia

Laureata in scienze politiche, indirizzo politico-internazionale, ha svolto attività di ricerca presso l’Istituto di ricerche economico e sociali dell’Umbria. Ha iniziato la sua attività politica con movimenti giovanili, aderendo successivamente ai Democratici di Sinistra.

Sindaco di Todi (1998-2007)

Nel 1998 è stata eletta sindaco di Todi alla guida di una coalizione di centro-sinistra con il 53,7% dei voti, riconfermata per un secondo mandato nel 2002 con il 63,8%. Nel frattempo, nel 2000 è stata nominata dall’UNICEF sindaco difensore ideale dei bambini, a seguito della promozione di progetti per la tutela dei diritti dell’infanzia con attività di cooperazione decentrata in Burkina Faso e Palestina.

Nel 2004 è stata eletta presidente regionale dell’Associazione Nazionale Comuni Italiani in Umbria e membro degli organismi dirigenti nazionali dell’ANCI. Da giugno 2007 è tornata all’attività professionale come direttore regionale della Legacoop umbra.

Europarlamentare (2008-2009)

Da maggio 2008 a giugno 2009, a seguito delle elezioni europee per le quali era candidata con l’Ulivo alle elezioni europee del 2004, ricopre l’incarico di eurodeputato al Parlamento europeo di Strasburgo iscrivendosi al gruppo del Partito Socialista Europeo. Alle successive elezioni europee del 2009, ricandidata per la lista del PD nella circoscrizione Italia centrale, con circa 63.000 preferenze, è la prima dei non eletti.

Dai DS al PD

Nel 2007 aderisce al Partito Democratico. Partecipa al congresso del PD nell’ottobre 2009 a sostegno della segreteria di Pier Luigi Bersani: candidata alle primarie, viene eletta nell’assemblea nazionale del partito ed entra a far parte della segreteria nazionale con la delega all’Europa, alle relazioni internazionali e ai diritti. Il 5 giugno 2013 viene scelta dal segretario reggente Guglielmo Epifani come responsabile nazionale per la sanità del Partito Democratico.

Alle primarie del 2013 per la scelta del segretario del partito sostiene la candidatura di Gianni Cuperlo.

In seguito alle dimissioni del segretario Matteo Renzi avvenute il 19 febbraio 2017 decide di sostenerlo nella corsa per la segreteria del Partito Democratico.[2] Con la vittoria di Matteo Renzi, è uno dei 120 membri a entrare nella direzione nazionale del partito.

Presidente della Regione Umbria (2010-)

Il 7 febbraio 2010 partecipa alle elezioni primarie del Partito Democratico per la scelta del candidato alla presidenza della Regione Umbria: con il 53% dei voti prevale su Giampiero Bocci e diventa la candidata governatrice per la coalizione di centro-sinistra. Alle elezioni regionali del 2010 ottiene il 57,24% dei voti, battendo Fiammetta Modena del Popolo della Libertà e diventando presidente della giunta regionale dell’Umbria. Dal giugno dello stesso anno è membro del Comitato delle regioni. È stata inoltre vicepresidente del gruppo PSE all’Europarlamento dal 2011 al 2015, per poi diventare dal 2015 presidente dello stesso gruppo.

Nel 2013, nell’ambito della Conferenza delle regioni e delle province autonome, svolge la funzione di coordinatrice del gruppo di lavoro sulla programmazione comunitaria 2014-2020 con il compito di seguire e gestire i negoziati con il Governo italiano per la programmazione europea 2014-2020. È inoltre coordinatrice vicario della Commissione salute e coordinatore della Commissione attività di cooperazione e iniziative per il dialogo e per la pace in Medio Oriente. Da molti anni è impegnata in progetti di cooperazione internazionale (Burkina Faso, penisola balcanica, territori palestinesi) e collabora attivamente con il Centro Peres di Tel Aviv, in particolare del programma “Saving the Children”.

Il 17 novembre 2014 il Partito Democratico dell’Umbria la ricandida per un secondo mandato alla guida della regione. Alle elezioni regionali del 2015 viene confermata per un secondo mandato con il 42,78% e 159.869 voti, sostenuta da una coalizione comprendente PD, Sinistra Ecologia Libertà e le liste Socialisti Riformisti e Civica e Popolare, battendo il candidato del centro-destra Claudio Ricci. Nello stesso anno, nell’ambito della Conferenza Stato-Regioni di settembre, ottiene la titolarità della commissione affari europei e internazionali. Il 23 settembre 2016 viene nominata dal governo Renzi, assieme a tutti i presidenti delle regioni interessate, vicecommissario alla ricostruzione per il terremoto del Centro Italia dell’agosto precedente.[8]

Il 16 Aprile 2019, poco dopo l’inizio dello scandalo Sanità della Regione Umbria, Catiuscia Marini annuncia le sue dimissioni dal ruolo di Presidente della Regione Umbria.

Il 16 aprile 2019, a seguito di una inchiesta della procura di Perugia su presunti illeciti nelle assunzioni nel sistema sanitario umbro in cui risulta indagata[9], la Marini si dimette da presidente della Regione Umbria[10].

Presidente del PSE al Comitato delle Regioni

Nel 2011 è eletta primo vicepresidente del gruppo del Partito Socialista Europeo del Comitato delle regioni, con delega alla politica di coesione nel quadro delle prospettive finanziarie dell’UE post 2013. Nel giugno 2014 è stata rieletta primo vicepresidente del Comitato delle regioni. L’11 febbraio 2015 è eletta presidente del gruppo Partito socialista europeo al Comitato delle Regioni d’Europa; Il 12 luglio 2017 viene confermata presidente del gruppo Partito socialismo europeo al Comitato delle Regioni d’Europa

Oggi, 16 aprile 2019 si è dimessa dall’incarico di Presidente del Consiglio regionale dell’Umbria

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*