AMMINISTRATIVE PERUGIA, EMANUELA MORI “VOLONTARI RISORSA DA VALORIZZARE”

Parchi pubblici Perugia, Emanuela Mori, Pd, serve una svolta

Emanuela_Mori, candidata Pd al consiglio comunale di Perugia

(umbriajournal.com) by Avi News PERUGIA – L’importanza del ruolo del volontariato e delle associazioni che lo promuovono, in ambito sociale e non solo, è stato sottolineato da Emanuela Mori, candidata al Consiglio comunale di Perugia nelle liste del Partito democratico, nel corso di un’iniziativa che si è tenuta a Perugia. L’incontro tra la candidata e un numeroso gruppo di giovani volontari ha avuto lo scopo di discutere del futuro delle associazioni di volontariato “che sono – ha sottolineato Mori – linfa vitale in una società sempre più in difficoltà dal punto di vista economico, sociale e della difesa delle fasce più deboli, dove i tagli di spesa riducono e cancellano i servizi sociali e sanitari”. “La crisi – ha affermato ancora Mori – sta mettendo seriamente in discussione i modelli di riferimento su cui si è basata la nostra società fino ad oggi e che cambia in modo drastico le esigenze, anche quelle della politica. In un contesto come questo, non possiamo non tenere conto della forza del volontariato in Italia e in Umbria, dimensione così importante che non può sfuggire al legislatore. Un volontariato che ha competenza e professionalità, formato da giovani motivati e preparati che intendono offrire assistenza e aiuto, in particolare, a coloro che si trovano in situazione di disagio e difficoltà come anziani, persone sole o emarginate o altri che si vanno aggiungere all’elenco dei nuovi poveri. Aspetto del nostro panorama sociale che va affrontato anche con l’istituzione di gruppi di acquisto e di solidarietà per i generi di prima necessità. Il no profit può essere di validissimo supporto al nostro corpo sociale e va considerato anche per una riforma del welfare”. “Considerando le nuove emergenze – ha aggiunto Mori – va sottolineato quanto sia giusta in questo momento la scelta del premier Matteo Renzi di aggiungere in busta paga 80 euro al mese a tutti coloro che non superano i 1.500 euro di guadagno mensile. Certamente, è un primo passo, un’azione di riequilibrio che non si può esaurire così, ma che necessariamente dovrà vedere, nei prossimi mesi, anche interventi a favore dei pensionati con i redditi più bassi”. “Valorizziamo e supportiamo adeguatamente – conclude la candidata – le associazioni del volontariato, aprendo un confronto con i Comuni, le Ausl e la Regione al fine di creare nuove opportunità per migliorare la qualità della vita di una fascia notevole della nostra popolazione”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*